Umberto Galimberti

La scenografia del dolore

image_pdfimage_print

Incontro con il Cardinale Gianfranco Ravasi, il sindaco di Roma Ignazio Marino, la scrittrice Dacia Maraini e il filosofo Umberto Galimberti

di Elisabetta Rossi

Per il cristianesimo il dolore è un’espiazione di una colpa e una caparra per l’eternità e per i i cristiani il dolore ha un senso.
Per la grecità il dolore è costitutivo della vita.
Dopodiché gli uomini, all’interno di questo universo molto limitato che è la loro esistenza, quando il dolore non li coglie possono espandere la vita il più possibile. Ma quando li coglie, lo devono reggere.
Teologia, filosofia, politica e letteratura si affronteranno sul significato e sul valore del dolore lunedì 2 dicembre (ore 21.00) al Teatro Argentina di Roma attraverso la voce di personaggi del calibro di Gianfranco Ravasi, Umberto Galimberti,

Umberto Galimberti

Umberto Galimberti

Ignazio Marino e Dacia Maraini, mentre Bianca Berlinguer tesserà il filo rosso del discorso.
In particolare, i relatori dialogheranno con il pubblico di come il dolore fisico, psichico e psicologico rappresentino per l’uomo un peso che non è sempre possibile cancellare con la volontà e con i mezzi che essa sa trovare quali i farmaci e le varie modalità terapeutiche.
C’è un’altra strada? In questo appuntamento si parlerà di mistica, quell’atteggiamento spirituale che suggerisce di affrontare il dolore nella consapevolezza di convivere con esso senza l’utilizzo di schermi e protezioni per cui lo spirito individuale trova risposta al senso del suo essere nella contemplazione e nel ‘contatto’ con la realtà del divino.
Lungo queste vie luminose e oscure, dolorose e nonostante tutto aperte alla speranza, si svolge il lento cammino verso un significato ‘oltre’ mentre risuonano come un interrogativo bruciante le parole di Franz Kafka: «La vera via passa per una corda che non è tesa in alto, ma appena al di sopra del suolo. Sembra destinata a far inciampare più che a essere percorsa».

INFO BIGLIETTERIA
Ufficio promozione Teatro di Roma:  tel. 06.684.000.346 – Fax 06.684000.360 –  www.teatrodiroma.net
Biglietteria Teatro Argentina:  tel.06.684.000.311(ore 10-14/15-19 lunedì riposo)

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *