selam

Selam Yemane feat. Barbara Eramo e Stefano Saletti: sulle rotte dei migranti

image_pdfimage_print

 SABATO 14 DICEMBRE TEATRO STUDIO ORE 21

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

biglietti 15 euro

Selamawet all’anagrafe, Selam sul palco e per gli amici. Questa giovane donna eritrea è approdata in Europa col fiorire del selamTerzo Millennio è poetessa, cantante, artista: un talento, sopito dalle difficoltà, coltivato nel silenzio della sua terra. A Roma ha sanato le ferite del suo viaggio verso la speranza fra le braccia del Baobab, Centro Policulturale, ma soprattutto luogo magico di incontro tra culture. Qui si immerge nella pace di una quotidianità possibile e scopre che i suoi pensieri in versi potevano trasformarsi in canzoni. Ha studiato musica, ha incontrato le sfumature della sua stessa voce. E da Selamawet è fiorita Selam. Le sue canzoni esprimono pensieri d’amore velati di nostalgia per la sua terra; Selam scrive e canta le melodie di una tradizione antica, ma racconta anche l’incontro con la cultura occidentale, con la quale ha deciso tempo fa di mescolarsi.

Dal suo incontro con il musicista e produttore Stefano Saletti e la cantante Barbara Eramo nasce il suo nuovo progetto musicale: un incontro tra la tradizione musicale dell’Eritrea e i suoni del Mediterraneo; un viaggio in musica sulle rotte dei migranti. Un dialogo culturale, umano e artistico che dalle sponde dell’Africa arriva in Europa e dà un senso concreto al concetto stesso di world music, come musica possibile dell’incontro.

A condividere il palco dell’auditorium con Selam Yemane ci saranno Barbara Eramo (voce), Stefano Saletti (bouzouki, oud, chitarra), Fitsum Kiflom (krar), Martina Bertini (basso), Carlo Cossu (violino), Etta Lomasto (voce), Eduardo Vielma e Dembele Inouss (percussioni)

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *