Finalisti Pigro 2014: Marco Mancini

image_pdfimage_print

Marco Mancini, all’anagrafe Marco Crepaldi nasce a Roma, quartiere Prati il  6 dicembre del 1987.

All’età di nove anni inizia a suonare la chitarra aiutato dal padre liutaio e grande fan dei maestri del rock e del blues(Clapton,Hendrix ecc..).mancini2

Dopo aver frequentato corsi privati di musica a diciassette anni si iscrive all accademia “Saint Louis” di Roma, dove viene seguito dal maestro e amico Marco Manusso (chitarrista storico di Dalla e De Gregori), intraprendendo corsi di chitarra rock, blues specializzandosi nel finger-style e nella slide guitar.

Da tempo però la sua vera passione è la scrittura e l’arrangiamento dei brani e nei tempi trascorsi a scuola e sui treni riempie quaderni di strofe nella speranza di far nascere nuove idee e canzoni.

Nel 2010 inizia a collaborare come chitarrista con Leo Pari, cantautore della scuola romana, suonando nell album “Resina”e partecipando ad un tour in Italia, Germania e Austria, in locali, club e teatri.

Nel frattempo inizia a lavorare al suo progetto discografico solista che uscirà a Novembre del 2012, intitolato mancini1“Fango”.

Tra i brani dell EP c’è “Credo”, una ballata blues con cui vince svariati concorsi nell estate 2013, periodo in cui porta in giro il progetto per l’Italia con circa 30 date.

Il mini album contiene quattro brani dal sapore street-rock, blues, dove l’artista cerca di rifarsi al suond di Springsteen, Mellencamp, Clapton e Bob Dylan.

Nell’ottobre 2013 esce per la Elegante Music il singolo “Va tutto bene”, contenente oltre all omonima canzone, i brani “Oltre”e la cover di Ivan Graziani(suo idolo da sempre) “Fuoco sulla collina”.

Questa è una parte del progetto per cui sta lavorando con la produzione artistica di Marco Battistini e la collaborazione di grandi musicisti come Tommy Graziani e Bip Gismondi.

Tutt’ora Marco è in giro per i locali di Roma e d’Italia, con la sua chitarra, ad aprire i live di altri artisti!

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *