Festa romana per Giorgia

image_pdfimage_print

di Eleonora Quadrana

Dopo tante sere nuvole e tempestose, il cielo limpido dell’Auditorium Parco della Musica  accoglie la voce di Giorgia! La tribuna è pienissima e il pubblico è trepidante! Ed ecco che la cantante appare con il suo sorriso smagliante e un vestito prugna, felice saluta i suoi spettatori, la sua Roma.giorgia 032

La gioia di esibirsi a “casa” è evidente, tanto è vero che indica alcune persone nel pubblico chiamandole per nome, e  chiacchiera salutando anche suo figlio, che per la prima volta,  è venuto a vederla. È sicuramente questo modo di interagire di Giorgia che sorprende, nonostante sia una delle cantanti più amate dal pubblico italiano, è rimasta una donna semplice, con i piedi per terra, molto umana e quasi per niente artefatta. Nonostante i grandi successi ottenuti a Sanremo e i duetti con Sting, Andrea Bocelli, e Pavarotti, rimane una “ragazza” acqua e sapone che si scusa con la bambina in seconda fila per aver confuso il suo nome.

A proposito di duetti anche nel suo nuovo album e tour “Senza paura” può vantare due brani in collaborazione con star internazionali come Alicia Keys, con la quale canta “I will pray”, e Olly Murs, con cui canta “ Did I Lose you”.

Di questo nuovo album ci canta vari brani dal più celebre “Quando una stella muore” a “ Io fra tanti” brano scritto in collaborazione con il marito Emanuel Lo, e “Non mi ami” una canzone che per lei rappresenta un urlo di protesta ormai condiviso da troppe donne.

giorgia 039Ma ad intramezzare questi brani non possono mancare i successi che l’hanno resa nota al grande pubblico quali: Goccie di memoria, Girasole, Il cielo in una stanza, Di sole e d’azzurro(brano con il quale ha ottenuto i secondo posto a Sanremo), Spirito libero che ha fatto ballare tutta la platea, e addirittura Come Thelma e Louise.

E dopo vent’anni di carriera musicale non c’è modo migliore di terminare il concerto, se non con il suo primo brano, risalente al vecchio 1994.

Giorgia si diverte, infatti, a ricordare i successi di quell’anno canticchiando Jovanotti, Laura Pausini, Irene Grandi, per poi finire con deliziarci con “E poi”. Un inizio che era già auspicio di un grande avvenire!

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *