Birdman apre la Mostra del Cinema di Venezia

image_pdfimage_print

di Eleonora Quadrana

È il 27 agosto 2014, sala conferenze del 71st Venice Film festival, sono le due del pomeriggio e una folla di giornalisti e fotografi è in attesa della conferenza stampa del film apertura di quest’anno: Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance).

A presentarlo troviamo il regista: Alejandro Gonzàlez, e gran parte del cast quale: Micheal Keaton, Edward Norton, Andrea Riseborough, Amy Ryan, Emma Stone e Naomi Watts.

Quanto ha influito la scelta di Micheal Keaton per questo film grazie al suo passato cinematografico da supereroe? Quanto condividete i pensieri negativi che vengono espressi nel film riguardo alla critica?

Alejandro Gonzàlez: La scelta di Keaton è sicuramente una scelta che ha arricchito il film, grazie all’autorevolezza del personaggio- attore. Inoltre può considerarsi davvero un “supereroe” in senso cinematografico, dal momento che è uno di quei grandi attori in grado di conferire al personaggio che interpretano drammaticità e comicità nel medesimo momento. Senza lui il film non sarebbe stato possibile. Quello che il film esprime sui critici non è una mia opinione personale. Anche perché non ho una vera e propria opinione sui critici, dal momento che la mia pigrizia mi impedisce di occuparmene. stone

I  60 anni sono i 30 anni di una volta?

Keaton ride: I 60 anni di una volta sono i 59 di oggi.

Qual è l’ambizione di questo film?

Gonzàlez: L’ambizione di questo film è stata il tentativo di fare qualcosa di difficile ma allo stesso tempo farlo in modo soddisfacente. È stato un po’ come il tentativo di camminare su un filo disteso tra due torri, pericolosissimo, ma entusiasmante, proprio perché ad ogni passo c’è la reale possibilità di cadere e di fallire.

Come sono stati curati gli effetti visivi? Per quanto riguarda i nomi dei personaggi ci sono stati dei suggerimenti da parte del cast?

Gonzàlez: Tutto in questo film è stato progettato in modo meticoloso, anche gli effetti visivi. Questo film è stato tagliato in modo che la magia continui, al di là delle cineprese, un po’ come succede nella vita reale e nel teatro. Tutto ciò che vedete in questo film è verità. Per quanto riguarda i nomi dei personaggi sono stati scelti semplicemente perché ci piacevano.

(per Micheal) Batman ti insegue?

Beh sicuramente quel film ha avuto un effetto enorme. Ma non credo che mi insegua, anche perché per quanto mi è possibile cerco di vivere nel presente. Confesso che l’idea che il personaggio di Birdman mi possa inseguire mi piace. Tutti hanno un “Birdman” nella propria vita.

New York è uno dei personaggi di questo film?

Andrea Riseborough  : Si certamente. New York partecipa a questo film con i suoi rumori e le sue atmosfere, fanno parte di New York  le abitudini dei personaggi che troviamo in questo film, come ad esempio l’abitudine di fare sempre tardi la sera. Abitudine alla quale Birdman non può rinunciare.

 

 

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *