Delirio in scena all’Auditorium di Roma per l’arrivo di Bruce Springsteen

image_pdfimage_print

Bruce Springsteen al Festival del Film di Roma

di Federica Ricci

Bruce Springsteen, arrivato ieri a Roma, ha percorso il Red Carpet dell’Auditorium, dove ad accoglierlo c’erano migliaia di fan eccitatissimi, provenienti da tutta Europa.

The Promise” è un documentario che narra la genesi di Darkness on the Edge of Town, il disco che ha reso famoso Bruce Springsteen negli anni ‘70. “Quando ho registrato questo disco, avevo 27 anni e mi identificavo interamente con la musica che facevo. Da dove vengo? Che vuol dire essere un figlio? Che significa essere americano? Queste erano le domande basilari che mi ponevo. Viceversa, oggi mi chiederei che vuol dire essere padre”. Così il Boss Bruce Springsteen rievoca la genesi del suo album Darkness on the Edge of Town, registrato nel ’77.

All’incontro post proiezione, moderato da Mario Sesti, Gino Castaldo ed Ernesto Assante, hanno partecipato anche Zimny e Jon Landau, storico produttore e manager del Boss.

“Nei miei dischi, racconto la ricerca di un’identità: ancora oggi non so chi sono- racconta Springsteen-“Spesso sono loro che ti scelgono, e non il contrario: il lavoro del musicista è un po’ come riparare”.

Springsteen ricorda come la lunga, estenuante realizzazione di Darkness on the Edge of Town si sia tradotto in “una filosofia di lavoro che io e la band abbiamo assimilato per gli anni successivi: abbiamo trovato il senso di quel che dovevamo fare, per comunicare con il pubblico”.

Ad accompagnare l’artista c’era il suo inseparabile amico e produttore Thom Zimny il quale ha voluto spiegare ai presenti il perché di questo documentario.  “Prima di tutto, sono come voi: un fan di Bruce e della sua musica. Ho lavorato 10 anni a questo documentario, ed è stato un modo per dire grazie: a lui, alla E-Street Band e Jon Landau. Non volevo solo mostrare come è nato un album, ma omaggiare la passione e l’impegno nel farlo”.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *