BIAGIO ANTONACCI IN CONCERTO IN PIAZZA DEL POPOLO A ROMA

image_pdfimage_print

DOMENICA 7 NOVEMBRE BIAGIO ANTONACCI IN CONCERTO
IN PIAZZA DEL POPOLO A ROMA A FAVORE DELLE FAMIGLIE DEI MILITARI CADUTI IN MISSIONE

DIRETTA SU RAIUNO E RTL

Su invito del Ministero della Difesa, domenica 7 novembre, Biagio Antonacci terrà  un concerto gratuito di  oltre un’ora  nella centralissima Piazza del Popolo di Roma.
La particolare iniziativa è stata organizzata per ricordare i militari italiani caduti in missione e Biagio Antonacci  ha deciso di rinunciare al proprio compenso, chiedendo al Ministero di devolvere la cifra non percepita a  favore dei figli dei soldati scomparsi in Afghanistan.

Biagio Antonacci insieme con la sua band sarà sul palco, eccezionalmente  allestito in Piazza del Popolo, dalle ore 18.50 alle 20.00 per offrire al pubblico presente i più importanti brani del suo repertorio. L’ultima mezz’ora del concerto sarà trasmessa in diretta da RAIUNO e l’intero concerto andrà in onda in diretta sulle frequenze di RTL 102.5.
“Ho accettato di buon grado questo invito – sottolinea Biagio Antonacci – perché mi da l’opportunità di festeggiare una ricorrenza nazionale di altissimo valore omaggiando allo stesso tempo  la memoria di persone che troppo poco spesso vengono ricordate, nonostante abbiano dato la loro vita a favore della vita di altri esseri umani.
Per me suonare in piazza del Popolo è un grande piacere e considero questo unico appuntamento dal vivo del 2010 una grande opportunità per unire con la forza della musica il grande pubblico alla memoria  delle vittime cadute ed è proprio per questi nostri eroi che ho deciso di rinunciare al compenso che avrei percepito per esibirmi in questo grande concerto, affinché venga totalmente versato, dal ministero della difesa, ai figli dei militari caduti in Afghanistan, uomini che hanno rappresentato, rappresentano e rappresenteranno sempre un grande esempio di umanità.”

Mario Masi

Mario Masi

Master in Scienze Ambientali. Autore di: "No Slogan, le bugie al tempo dei catastrofisti". Direttore responsabile di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *