Filosofarti, il festival che coniuga filosofia e arte

image_pdfimage_print

di Stefania Taruffi

FILOSOFARTI, il festival che fino al 10 marzo 2015, a Gallarate e Busto Arsizio, coniuga la riflessione filosofica con le arti figurative, il teatro, il cinema, la musica, la scrittura e molto altro ancora, presenta nella settimana tra lunedì 2 e venerdì 6 marzo 2015, un programma ricco di eventi.

Tra questi, si segnala, lunedì 2 marzo, alle ore 21.00, al Teatro delle Arti a Gallarate (via don Minzoni 5) la Lezione magistrale di Umberto Curi che parlerà de Il tempo della bellezza.

Nel corso del suo intervento, il filosofo e docente universitario delinea un percorso affascinante e innovativo che, muovendo dal mondo classico greco-latino, quando il bello era ritenuto il requisito di ciò che non mancava di nulla, conduce al pensiero moderno e contemporaneo e ai “tremendi” angeli rilkiani, quando ormai il bello deve lasciare spazio all’assenza. L’apparire del bello, suggerisce Curi, coincide con la manifestazione di un’ambivalenza insuperabile, con la rivelazione di uno scandalo, con l’emergenza di una contraddizione, che tuttavia scalda il cuore e ci consola.

filosofartiLa Libreria Boragno di Busto Arsizio (via Milano 4) ospita, martedì 3 marzo alle ore 21.00, Giuseppe Fornari, docente di Storia della filosofia all’Università di Bergamo che presenterà il suo libro La verità di Caravaggio.

La ricerca di Giuseppe Fornari su Caravaggio vuole sfatare i luoghi comuni e le stratificazioni mitografiche che si sono accumulate sull’artista e sul personaggio. Caravaggio non è un pittore “facile”, come non è stato un uomo “facile”, e l’etichetta generica comunemente adoperata per descriverne lo stile, quella del “realismo”, ne confonde la vera portata. Oltre che sulle alterne fortune critiche del pittore e sul formarsi del suo personaggio di “artista maledetto” (una volta imparato a conoscerlo, è difficile non esserne conquistati), il libro si sofferma anche sulla ricostruzione degli ultimi anni di vita dell’artista, ricchi di fatti di sangue e di fughe rocambolesche, fino all’enigma della sua morte prematura, per spiegare il quale è stata avanzata la tesi del delitto di Stato. Fornari dimostra l’insostenibilità di questa tesi e riporta il destino di Caravaggio alla cifra più riconoscibile, umanamente amara ma anche spiritualmente esaltante, di una vittoria artistica conseguita al prezzo di investire e da ultimo perdere la propria intera esistenza.

Mercoledì 4 marzo, alle ore 21.00, al Teatro delle Arti a Gallarate (via don Minzoni 5), si terrà la Lezione magistrale del filosofo Carlo Sini, dal titolo La bellezza del mondo. I Greci, ricorda Sini, usavano il termine ‘Kalon’ in un senso non strettamente estetico come facciamo noi moderni; essi lo intendevano piuttosto in un senso cosmologico, come una forza che governa le cose del mondo e degli umani: una forza talora anche terribile e misteriosa, come quella dell’angelo del divenire, della distruzione e della morte che sconvolge la vita e insieme la rinnova.

Si consiglia la prenotazione: newcomm@teatrodellearti.it

Giovedì 5 marzo, Piazza della Libertà a Gallarate sarà il palcoscenico di un happening teatrale di grande suggestione. Alle ore 18.00 e alle ore 19.00, Angelo Di Genio sarà il protagonista della pièce teatrale IN EXITU di Giovanni Testori.

Il testo, inizialmente concepito come romanzo, narra la vicenda di Riboldi Gino, un giovane tossicodipendente ridotto alla prostituzione, in un tempo che si concentra e si dilata intorno al momento cruciale dell’overdose. È Milano a fare da sfondo alla sua storia, la città indifferente, maledetta e bestemmiata, con i suoi simboli, come Niguarda, o come la Stazione Centrale. Nel totale degrado del suo calvario Gino recupera dalla memoria la nostalgia degli anni della sua infanzia: Annone, il paese materno, con il suo lago; la malattia e la morte del padre; l’abbraccio della mamma, che silenziosa, umile, mai lo abbandona. Nel suo delirio i ricordi si annebbiano nell’ingenuità e nella bestemmia di chi non ha niente da perdere. Gino Riboldi, con la sua parola folle e spezzettata, che va oltre il più esasperato sperimentalismo, nella sua feroce volontà di annullarsi, interroga direttamente e a ritmo serrato l’assoluto per avere risposte definitive, che spieghino il senso del dolore. La performance di Angelo Di Genio è un evento al di fuori delle regole della rappresentazione. Un rito crudo, estremo, senza orpelli, come voleva l’autore. La lunga e coerente meditazione sui temi tragici dell’esperienza umana, le scelte anticonformiste e radicali, la profonda religiosità espressa nelle forme più provocatorie e sconcertanti fanno di Giovanni Testori uno dei protagonisti più complessi e geniali del panorama intellettuale del secondo Novecento.

Spazio alla musica jazz, venerdì 6 marzo. Alle ore 21.30, alla Sala Planet Soul Il Melo a Gallarate (via Magenta 3) si terrà il concerto dello Scott Hamilton Quartet (Scott Hamilton, sax; Carlo Uboldi, piano; Luciano Milanese, contrabbasso; Marco Castiglioni, batteria).

Scott Hamilton, nato a Providence, Rhode Island, nel 1954, è un protagonista assoluto della vita dei club jazzistici, interprete di una musica straordinariamente elegante, basata su un impeccabile fraseggio ed un sound affascinante, che lo ha imposto per la dolcezza del suo saxofono e l’immaginazione creativa. In carriera ha pubblicato più di trenta album e si è esibito nei contesti più diversi, dalla piccola formazione all’orchestra d’archi, in collaborazione con musicisti come Ruby Braff e Dave McKenna.

Carlo Uboldi, pianista, ha all’attivo circa quattromila concerti jazz in teatri, jazz festivals, jazz clubs e associazioni culturali e/o musicali in Italia, Svizzera e Germania; ha collaborato con Emilio Soana, Rudy Migliardi, Riccardo Fioravanti, Carlo Bagnoli, Hengel Gualdi, Ares Tavolazzi, Fritz Hartschuh, Gustl Mayer, Charlie Hollering.

Luciano Milanese ha suonato con molti fra i migliori musicisti italiani, da Gianni Basso a Tullio De Piscopo, da Andrea Pozza a Dado Moroni. Si è esibito anche con molti grandi del Jazz mondiale come Chet Baker, Johnny Griffin, Art Farmer, Harry “Sweets” Edison, Eddie “Lockjaw” Davis, Phil Woods, Ray Bryant, Kenny Drew, Joe Pass, Barney Kessel, Sal Nistico.

Marco Castiglioni, percussionista e batterista, dopo anni di scorribande nel mondo del Pop e della Tv, negli ultimi anni si è sempre più innamorato della musica jazz e così sono nate collaborazioni con artisti come Steve Potts, Gunter Sommer, Paula West, Daniel Mille, John Stowell, Rob Sudduth, Bill Ramsey, Renato Sellani, Paolo Tomelleri, Laura Fedele, Emilio Soana, Gianni Basso, Lino Patruno, Carlo Bagnoli.

Ingresso € 15; ridotto iscritti UDM € 10,00; ridotto studenti € 5,00.

Informazioni: 0331 708224, udm@melo.it, melofond@gmail.com

Filosofarti, ideato e curato da Cristina Boracchi per il Centro Culturale del Teatro delle Arti di Gallarate, in collaborazione con il Comune di Gallarate – Assessorato alla Cultura – e di Busto Arsizio e con il sostegno di Fondazione Cariplo.

Filosofarti è realizzato sotto l’alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e con il patrocinio della Città Metropolitana di Milano per EXPO2015, della Provincia di Varese, dell’Università dell’Insubria, della Società Filosofica Italiana – Sezione di Varese. Importante novità consiste nell’adesione al progetto da parte del Museo della Basilica e del Decanato di Gallarate unitamente al decanato di Busto Arsizio, con il quale si sviluppa un essenziale proposta sul tema del dialogo interreligioso.

Filosofarti è elemento fondativo nel programma di OFFICINA CONTEMPORANEA [OC] – Sistema Culturale Urbano, progetto sostenuto da Fondazione Cariplo ed elaborato da undici istituzioni attive nella città di Gallarate nei diversi ambiti che contraddistinguono la cultura contemporanea.

[OC] Officina Contemporanea T 347.1412082 comunicazione@officinacontemporanea.it www.officinacontemporanea.it

FILOSOFARTI 2015 Nutrire la mente info@filosofarti.it; www.filosofarti.it

Stefania Taruffi

Stefania Taruffi

Laureata in Lingue, co-fondatrice di Itali@Magazine. "Fare cultura" è la sua passione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *