Chi è senza colpa

‘Chi è senza colpa’ nelle sale italiane dal 19 marzo

image_pdfimage_print

Chi è senza colpaIl 19 marzo uscirà nelle sale cinematografiche “Chi è senza colpa”, un thriller che vede come protagonisti Tom Hardy e James Gandolfini (da poco compianto). Il film si ispira ad “Animal Rescue”, un breve romanzo di Dennis Lehane, anche scenografo.

Come si percepisce dal nome del romanzo, la storia modifica il suo percorso con l’incontro del protagonista con un animale, in questo caso un adorabile cucciolo di pitbull. Il tema degli animali è sicuramente caro al regista, Micheal R. Roskam, che anche nella sua fatica precedente (Bullhead), permette a un animale di cambiare il corso della storia.

La vicenda è ambientata a Brooklyn, dove Bob e il cugino Marv, gestiscono un bar, ormai di proprietà della mafia cecena, che si serve dell’apparente legalità del locale per nascondere un giro di  riciclaggio di denaro sporco.

Bob, interpretato da Tom Hardy, è un personaggio estremamente pacato e gestisce la situazione con un innaturale indifferenza. Finchè non trova in un cassonetto un cucciolo di pitbull, che risveglia in qualche modo le sue emozioni .

Proprio a causa del cucciolo, però si imbatterà in un malvivente Eric Deeds al quale il pitbull apparteneva, e nella sua ex ragazza, Nadia, della quale Eric sembra ancora ossessionato.

Proprio a causa dei nuovi coinvolgimenti sentimentali e di tradimenti inaspettati, Bob, fino a quel momento razionale e tranquillo, mostrerà la parte di sé che con grande fatica aveva cercato di celare.

“Chi è senza colpa” mostra amaramente che nessuno può dirsi davvero innocente, tranne il cane.

Tutti i personaggi all’interno del film, infatti, fingono: cugino Marv (James Gandolfini) per non ammettere la sua totale impotenza all’interno del bar, ma anche nei confronti della vita, che lo vede lottare contro la malattia del padre ormai incurabile. Bob, che cerca di ripulire la sua anima frequentando la chiesa tutte le domeniche e cercando di stare il più possibile lontano dai guai, nascondendo a se stesso,un’anima tutt’altro che pacata. Ed Eric, che invece si spaccia per più pericoloso di quanto sia, proprio per far in modo che le persone lo temano, spaventato di esser privato di qualcosa che sente come suo, ma non tratta come tale.

Di Eleonora Quadrana

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *