L’EUR va in mostra all’Ara Pacis

image_pdfimage_print

di Monica Bonora

Un lungo corridoio che accede a tante stanze, come gli antichi palazzi del ‘700, attraversa l’Eur (originariamente E42) il cui acronimo significa Esposizione Universale Roma. E’ la Via Cristoforo Colombo che a proseguirla tutta sfocia come un fiume al mare di Ostia. Arrivando dal centro in direzione del disco volante, ovvero il Palazzetto dello Sport (oggi Palalottomatica), dritto per dritto, come dicono i romani, l’ Obelisco di Marconi al centro delle colonne della omonima piazza e il più recente di Arnaldo Pomodoro , delimitano i confini originari del noto quartiere romano. Volgendo lo sguardo a sinistra il Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi e subito a seguire la Nuvola di Fucsas ancora in costruzione. A destra il Palazzo della Civiltà Italiana che porta orgogliosamente scritto in fronte “Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigatori”. E ancora la Basilica di San Pietro e Paolo che vista dal laghetto ricorda la più famosa Casa Bianca. Il Fungo, con il suo ristorante panoramico, svetta quasi alla pari delle recenti “torri sorelle” ovvero i grattacieli Eurosky. De Chirico, Carrà , Morandi , i metafisici insomma, il Duce, il Razionalismo, l’Antica Roma tutti insieme, fanno di questo modernissimo quartiere la “city” di Roma.
Quando si parla di Eur, ci si agganciano decine di altre zone. E dunque si parla di Eur Laurentina, Eur Mostacciano, Eur Torrino e via discorrendo. Una città nella città. Ma l’origine ha confini molto più netti.

eurIl complesso dell’EUR fu pianificato per celebrare i vent’anni della marcia su Roma e della presa del potere da parte del fascismo, in occasione di una fiera internazionale, per volere di Benito Mussolini. L’esposizione si sarebbe dovuta tenere nel 1941 e 1942 ma non ebbe mai luogo a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale.
La direzione del progetto fu assegnata all’architetto Marcello Piacentini ma quello definitivo fu presentato nel 1939 a guerra iniziata. Fu ridefinito e completato negli anni successivi. La costruzione del quartiere venne ultimata definitivamente solo alla fine degli anni cinquanta in occasione delle Olimpiadi che si tennero a Roma nel 1960.

EUR attualmente, oltre ad avere un numero sempre più frequente di locali alla moda, è sede di uffici ministeriali , Banche, Enti previdenziali, Aziende Informatiche ed ospita una moltitudine di colletti bianchi provenienti da tutta Italia.
In contrapposizione all’Expo di Milano con il suo newyorkese neo quartiere di Porta Nuova, seppur in momenti temporali distanti? No, la Mostra all’Ara Pacis è un progetto Roma Capitale unitamente a Expo 2015 Milano, promosso da Roma verso Expo. Resta comunque il fatto che le esposizioni universali, con tutti i problemi che hanno comportato in passato e che comportano attualmente, lasceranno in eredità alla nostra bella Italia esempi di architettura degni della nostra storia e della nostra cultura dove l’Eur di ieri è l’Expo di domani.

ESPOSIZIONE UNIVERSALE ROMA
Museo dell’ Ara Pacis dal 12 marzo al 14 giugno
Indirizzo: Lungotevere in Augusta, 00186 Roma, Italia
Telefono:+39 06 0608 – Orari: · 09:00-19:00

Stefania Taruffi

Stefania Taruffi

Laureata in Lingue, co-fondatrice di Itali@Magazine. "Fare cultura" è la sua passione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *