Il mito delle SYRENE rivive al teatro Vascello di Roma

image_pdfimage_print

Debutta al Teatro Vascello di Roma SYRENE di Maria Grazia Sarandrea, in anteprima nazionale martedì 16 e mercoledì 17.

Lo spettacolo è un caleidoscopio di danze, un vortice danzante su uno sfondo di video, immagini fotografiche, pitture e voce dal vivo. Una contaminazione di generi e stili che dialogano tra loro: il tango con il flamenco, il contemporaneo con le danze rituali, il ballo di Melusina figura leggendaria delle saghe cavalleresche con la liturgia di Yemaya, divinità delle acque del mare di origine afrobrasiliana, la madre degli orixas.

Fantastiche creature, per metà donne e per metà animale, le Sirene sono creature portatrici di sapienza, di profezia, sacerdotesse dei misteri, attrici di un tempo senza tempo. Attraenti guide per un viaggio senza ritorno.

Le coreografie di Maria Grazia Sarandrea e il canto di Barbara Eramo segneranno una ripresa poetica del tema legato alla mitologia classica, dove le Sirene incarnavano le muse del mare, il cui dolcissimo  canto ammaliatore attirava i naviganti dapprima nell’oblio della loro patria e degli affetti, poi verso la rovina.

Syrene ripropone una danza mitica, ancor più viva oggi, più urgente per noi, che porta alla ricerca dell’essere marino e acquatico di ognuno, fino al segno di un passaggio avvenuto, di uno stato di trasformazione della percezione del mondo, di una metamorfosi della esperienza del sé che passa attraverso la riconquista del Desiderio e della sua felicità.

Solo chi è pronto all’ascolto, chi non resiste al cambiamento, saprà compiere quel salto, seguire quel canto melodioso,  conquistare quella armoniosa  profondità che è promessa di  vita.

Info e prenotazioni
Teatro Vascello, tel 06 5881021 – 06 5816623
www.teatrovascello.it

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *