Gianni Morandi e Nino D’angelo, il segreto del successo social

image_pdfimage_print

di Antonietta Molvetti

Facebook, di cui siamo tutti o quasi cittadini, ci accomuna nella democratica possibilità di dire costantemente e su ogni argomento la nostra.
A chiunque è capitato di imbattersi nel profilo di un vip, con esiti opposti di amareggiata delusione o di  sincero apprezzamento.
Ma cosa decreta su Facebook il trionfo di alcuni famosi e il tonfo di altri?
Il fatto è che, come in ogni società, vale anche qua l’idea che “gli utenti sono uguali, ma ci sono utenti più uguali degli altri”. Se per noi ordinari mortali questo social è nulla più della famosa sedia su cui montare durante la tavolata domenicale per esibirsi tra parenti e amici, naturalmente per i personaggi pubblici le tavole a cui far riferimento sono di ben altro rango. Facebook per le star si conferma essere un palcoscenico, dove ciascuno va in scena con il repertorio che gli è più congeniale. Proprio come succede a teatro quindi c’è chi dà riprova di talento e chi si procura rovinosi fallimenti.

Foto da Morandi Official https://instagram.com/morandi_official/

Foto da Morandi Official
https://instagram.com/morandi_official/

Gianni Morandi, ad esempio, veste gli inconsueti panni di leggendario eroe del web. Con una diretta costante il ragazzo di Monghidoro, da tempo, ci rende partecipe delle sue giornate. Grazie alle meticolose fotografie della moglie Anna o ai diligenti autoscatti, ci tiene aperte le porte di casa, ci fa accomodare in giardino, ci fa assistere al prospero raccolto dell’orto. Interagisce indefessamente con il pubblico, rispondendo personalmente ad ogni post, replicando a ciascun commento, confutando tutte le eventuali obiezioni.

Più a sud c’è un altro ragazzo che parimenti ci aggiorna sulla sua vita, guadagnando pian piano consensi.

Foto di Nino D'angelo - Pagina ufficiale Fb

Foto di Nino D’angelo –
Pagina ufficiale Facebook

Nino D’angelo, altrettanto scrupolosamente, non tralascia mai di augurarci il buongiorno e la buonanotte. Ci racconta, attraverso scatti e brevi commenti, con la collaborazione della moglie Annamaria, anch’ella zelante fotografa, le proprie giornate. Ci porta con sé nelle varie tappe della tournée, ci riferisce orgoglioso i successi dei figli, illustra progetti futuri, condivide amarezze.

Nella home page di chi segue entrambe gli artisti spesso si succedono, in sequenza, gli scatti prima dell’uno e poi dell’altro, a imbastire quasi un ironico dialogo a distanza. Se da un lato compare Gianni, seduto al tavolo di cucina che sgrana i piselli, dall’altro, pronto risponde Nino, immortalato dietro ai fornelli a mantecare spaghetti.
Di ieri l’ultimo di quello che sembrerebbe quasi un divertente e bonario fraseggio.
A metà mattina fa capolino dallo schermo Morandi, che, sfoggiando una giacca nuova, chiede un parere al pubblico. Dopo poco, sulla propria bacheca virtuale, appare Nino D’angelo, sconfessando il titolo di una sua celebre canzone, anch’egli in giacchetta, costrettovi da motivi di lavoro. Pare quasi che il disappunto espresso per dover indossare il capo con il caldo estivo sia la risposta all’entusiasmo del collega bolognese.
I fans naturalmente accorrono solerti alla chiamata, esprimendo a suon di like, moneta in corso nel regno, il proprio affetto.
Ecco ancora più evidente la chiave della popolarità di questi due personaggi. Il motivo per cui gesti apparentemente banali conquistano anche schiere di giovanissimi. I due artisti con la loro semplicità riducono al silenzio gli urli esistenziali di alcuni chiassosi colleghi. Si fanno apprezzare come sorsate d’acqua fresca nel deserto. Regalano senza retorica o populismi frammenti di sana e autentica vita.
La ricetta per conquistare nuovi affetti e consolidare vecchie simpatie resta la stessa: garbo, affabilità e acume. Se poi si condisce il tutto con una generosa dose di buona educazione, il gioco è fatto. I toni impeccabili di Gianni e Nino confermano ancora una volta che il sapore antico della buona creanza resta   una delle più solide ancore del successo.

lidia monda

lidia monda

Giornalista incuriosita, avvocato perplesso, mamma senza dubbio. È Amministratore Delegato della sua famiglia – un marito e due figli, ingiustamente maschi- e nel frattempo che tutti diventano grandi (lei compresa) mescola di continuo le carriere alla ricerca dell’equilibrio perfetto. Ama libri, piante e animo umano. Tre cose uguali. Qualche anno fa le svaligiano casa. Lei inciampa nel giornalismo e finisce dentro Itali@Magazine e ai ladri, quasi quasi, va il suo sentito ringraziamento.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *