L’arte di Veronica Montanino abbatte confini e barriere

image_pdfimage_print

Un progetto di Giorgio de Finis Preview – Sala Grande, Palazzo Chigi, Formello
12-16 settembre 2015

Installazione ambientale e scultura abitabile “Pangea” è un social table a scala urbana che celebra i temi dell’accoglienza, dell’incontro, della partecipazione, del convivio. L’opera guarda al continente originario per restituirci l’immagine di un mondo riunito, un mondo che di fatto migrazioni e globalizzazione hanno già realizzato, ma pacificato e in festa. Un contromovimento, rispetto a quello della deriva dei continenti, che per Veronica Montanino significa abbattimento di confini e barriere culturali, linguistiche, religiose, politiche, e, dunque, arricchimento per tutti. veronica montanino
Opera abitabile, e non solo ambientale, si è detto, perché gli oltre trenta tavoli colorati che l’artista ha dipinto e assemblato per Pangea non nascono solamente per essere contemplati, ma anche per essere usati. Hanno bisogno di essere animati per divenire quel grande ingranaggio chiassoso e brulicante che l’artista immagina che sia. E non si tratta solo di aprire la porta alla “relazione” (cosa che negli ultimi anni Veronica è comunque via via andata facendo, basti pensare ai lavori realizzati a Metropoliz). Ma ancora una volta, di superare un confine e di abbattere le barriere. Tra i cinque sensi, cinque come i continenti, che qui figurano tutti alla pari (imbandita la tavola alla vista e al tatto si aggiungono olfatto, e gusto come pure, chiamato in causa dalla conversazione, l’udito) e tra le stesse tipologie di produzione artistica (pittura, scultura, assemblaggio, installazione, performance). Affinché l’opera risulti completa, si richiede naturalmente un vociare babelico e un pranzo meticcio… e chi ancora sa cosa sia che indossi l’abito tradizionale dei giorni di festa.

In mostra alla Casa dell’Architettura di Roma prima e al MARCA Museo delle Arti di Catanzaro poi, una preview della installazione sarà presentata dal 12 al 16 settembre nella Sala Grande di Palazzo Chigi a Formello.

L’opera di Veronica Montanino è stata realizzata con la partnership dello studio legale Hogan Lovells, che per festeggiare il suo quindicesimo anno di presenza in Italia, ha deciso di contribuire alla realizzazione di un’opera che vuole celebrare i valori della convivenza e dell’incontro tra i popoli e le culture.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *