RASSEGNA DI DANZA CONTEMPORANEA al TEATRO VASCELLO di ROMA

image_pdfimage_print

…E IL VASCELLO DANZA….

RASSEGNA DI DANZA CONTEMPORANEA

22-23 novembre

http://www.coredanza.it/chi-siamo/i-nostri-progetti/officina-coreografica

OUTSIDE IN_liberi exploit coreografici

a cura di Officina COREografica http://www.coredanza.it/

22 novembre ore 21,00
Sala GIANCARLO NANNI
Lubbert Das
SOL

di e con Nicoletta Cabassi
musiche Ezio Bosso
SOL è la nota della chiave di violino strumento solista del concerto stesso, SOL è la solitudine, SOL è l’inizio di ‘Soledad’ (nome del II mov. del concerto stesso), SOL è inizio di solstizio ovvero uno stato di cambio, di mutazione o meglio di trasformazione, è tutte queste cose e molto altro ancora …. SOL è l’inizio di tutto ciò che il pubblico vorrà vedere.

Questa pièce coreografica, oltre ad estremizzare un percorso già da tempo iniziato, nasce soprattutto dall’incontro col compositore Ezio Bosso e dalle suggestioni suscitate dal suo inedito ‘Concerto n. 1 per violino ed orchestra, partitura già utilizzata ma inedita che Bosso ha espressamente fornito per la coreografia.
a seguire

Sala STUDIO
Korekanè http://www.korekane.com
PRIMO FRAMMENTO DI UN QUOTIDIANO DISFATTO

di e con Chiara Cicognani ed Elisabetta Gambi

23 novembre ore 21,00
Sala GIANCARLO NANNI
Collettivo Cinetico http://www.collettivocinetico.it
XD SCRITTURE RETINICHE SULL’OSCENITA’ DEI DENTI
di Francesca Pennini
con Andrea Amaducci, Nicola Galli, Angelo Pedroni, Francesca Pennini

XD. Sorriso telematico.

Corpo letterale e digitabile, icona emotiva. Viso serrato in una X di occhi strizzati e ridenti, egemonici, amplificati e nulli. X croce oftalmica. Intersezione cartesiana a definire il punto di indagine nel luogo senza luogo dell’immagine. Viso esposto ed oscenato in una D dentaria. D bocca che si mostra come soglia tra visibile e dietro-le-quinte della scena del corpo. Corpi deformi, colorati e androgini approssimati nella figura mediata del manga giapponese. Incasellati nello scorrere rettangolare del tempo fumettistico. Spaziati in vignette nominali dove lo spazio del “fuori” viene ridefinito e ritagliato in un continuo scarto tra presenze performative dalla diversa visibilità. Patinati e cristallizzati nell’anatomia temporale eterna e puntiforme della foto che li possiede. Violentati dalle loro stesse immagini. Bagnati dalla superficie lucida della retina che li tocca.

a seguire
Sala STUDIO  e FOYER
Collettivo Cinetico
IXI NO, NON DISTRUGGEREMO IL TEATRO VASCELLO
di Francesca Pennini
con Andrea Amaducci, Nicola Galli, Angelo Pedroni
| x | è una performance interattiva dedicata a luoghi privati.

Un gruppo di performer in biancheria intima, con gli occhi coperti e provvisti di mazza da baseball vengono guidati alla mappatura dello spazio. La loro presenza si articola a distanza millimetrica da persone e oggetti e vede convivere la minaccia dell’arma in potenza alla vulnerabilità dell’esposizione dei corpi. I comandi, basati sul sistema vettoriale, possono essere gestiti direttamente dal pubblico attraverso un software. La sequenza stessa di istruzioni e movimenti diviene quindi la modalità di scrittura e descrizione del luogo esplorato dai corpi e la mazza da baseball si fa sonda per le distanze. Le informazioni sono criptate in modo che sia possibile fornire indicazioni sempre eseguibili dai performer ma senza avere la possibilità di prevederne il risultato. L’unico modo per comprendere il codice di istruzioni è procedere per tentativi sul filo rischioso di una possibile imminente distruzione.

INFO www.teatrovascello.it tel. 06 5881021 – 06 5898031

XD ph Stefano Partisani

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *