Cagolmostra

Stefano Cagol dopo 16 anni ritorna con una personale a Trento

image_pdfimage_print

A sedici anni dalla prima personale in un museo, organizzata dal Mart presso l’allora storica sede di Palazzo delle Albere, le opere di Stefano Cagol tornano a Trento, in una mostra personale a cura di Margherita de Pilati e Denis Isaia.
Il percorso offre uno sguardo d’insieme sui numerosi progetti con i quali Stefano Cagol ha sviluppato una riflessione sull’attualità e sui fenomeni socio-culturali dandone una lettura ironica, controversa e graffiante.
Cagol recupera le sperimentazioni che hanno attraversato il ’900 e le aggiorna con strumenti nuovi, affidandosi alla tecnologia ed ai linguaggi della comunicazione. Attraverso l’ibridazione di mezzi, strumenti e messaggi, realizza veri e propri progetti, incarnando la figura di artista-progettista.
L’allestimento cronologico illustra le tappe della carriera dell’artista, dalle prime sperimentazioni sul linguaggio del video, sino ai progetti più recenti come “The Body of Energy (of the mind)” prodotto dalla Fondazione tedesca RWE e  presentato in un’esposizione personale a Berlino e in una decina di musei europei.In mostra circa 40 opere, tra le quali i progetti itineranti che da anni caratterizzano la ricerca di Stefano Cagol, i progetti partecipativi, come quello realizzato all’Ilva di Taranto, e il lavoro presentato nel Padiglione Maldive durante la 55. Biennale di Venezia: “The ice monolith”.

Galleria Civica Trento
25 marzo 2016 / 12 giugno 2016

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *