AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA: si celebrano i PROCESSI ALLA STORIA

image_pdfimage_print

primo appuntamento:

LUNEDI’ 29 NOVEMBRE ORE 21: Processo a Paolo e Francesca

Sette grandi processi per proseguire il viaggio intorno ai grandi temi della società, dei sentimenti e della politica. Sul palcoscenico della Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma si avvicenderanno personaggi della storia e della letteratura, da Paolo e Francesca a Cagliostro, da Caravaggio a Giovanna d’Arco, da Caino ad Antigone fino a Giulio Cesare, che saranno via via interpretati da giuristi, avvocati, magistrati e protagonisti della politica che si cimenteranno con la prova dell’aula giudiziaria riprodotta in teatro.

Come è ormai tradizione per la rassegna curata da Stefano Dambruoso e Massimo Martinelli, ognuno dei Processi alla Storia sarà celebrato riproducendo esattamente le atmosfere, le tensioni e i colpi di scena caratteristici dell’aula giudiziaria.

I protagonisti si cimenteranno i dibattimenti all’impronta, senza un copione prestabilito, senza aver avuto la possibilità di “provare” la scena. Gli imputati prepareranno le loro dichiarazioni innocentiste. Gli avvocati studieranno le migliori arringhe difensive e i pubblici ministeri pronunceranno requisitorie tecniche, che chiederanno conto delle responsabilità, vere o presunte dell’accusato, ma anche degli effetti che i loro comportamenti hanno avuto nella politica, nella cultura e nei costumi sociali negli anni successivi.

Tra coloro che vestiranno la toga, piuttosto che i panni dell’imputato, ci sono alcuni tra i massimi protagonisti della vita giudiziaria, politica e culturale del Paese. Ci saranno, tra gli altri, magistrati del calibro di Piercamillo Davigo, Paolo Ielo, Italo Ormanni, Piero Grasso, Carlo Nordio e Pierluigi Vigna; avvocati di grido come Paola Severino, Annamaria Bernardini de Pace, Grazia Volo.  E ancora, giuristi come Piero Alberto Capotosti, Augusta Iannini, Simonetta Matone, Giuliano Pisapia, Gaetano Pecorella, fino ai protagonisti della vita pubblica come l’europarlamentare David Sassoli, il fotografo dei vip Rino Barillari, il superinvestigatore della Finanza Umberto Rapetto, l’analista geopolitico Andrea Margelletti e molti altri ancora.

Il calendario prevede il prossimo lunedì 29 novembre il processo a Paolo e Francesca, le icone dell’amore travolgente che spazza via ogni formalismo razionale. E sarà lo spunto per parlare dell’Amor cortese, che esalta il rapporto sentimentale fuori del matrimonio, sostenendo che l’amore vero è libero, disinteressato. E su questo modello nacquero poi le più celebri storie d’amore del Medioevo, dalla passione travolgente e mortale di Tristano e Isotta fino alla devozione assoluta di Lancillotto e Ginevra. Storie che per alcuni sono diventate un ideale di comportamento. A presiedere la Corte sarà il magistrato Pierluigi Vigna, celebre per le sue indagini antimafia e, ancora prima, per la caccia spietata che condusse contro il Mostro di Firenze; sul banco degli imputati, il magistrato antiterrorismo Stefano Dambruoso e la europarlamentare Erminia Mazzoni. Che saranno difesi da un avvocato d’eccezione, il parlamentare Gaetano Pecorella. E saranno accusati da Fabrizio Gandini, il gip severo e inflessibile che firmò l’ordine di arresto per Annamaria Franzoni dopo la terribile vicenda di Cogne.

Dopo la pausa natalizia, la rassegna riprenderà lunedì 10 gennaio con il processo a Cagliostro; il 7 febbraio con il processo a Caravaggio, il 7 marzo con il processo a Giovanna D’Arco, l’11 aprile con il processo a Caino, per terminare con due date nel mese di maggio: il 9 con il processo ad Antigone e il 30 con il processo a Giulio Cesare.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *