Radiohead: svelato il mistero sulla sparizione dai social

image_pdfimage_print

I Radiohead spariscono dai social, anzi no. Dopo qualche giorno risorgono e rilasciano in rapida successione due video inediti. Con un nuovo disco imminente.

Il primo maggio succede una cosa strana: il sito della storica band inglese è offline, vengono cancellati tutti i post e le immagini dalla pagina Facebook, dal profilo Twitter e da Google+. Si direbbe un suicidio mediatico, nell’era del presenzialismo ossessivo sui social network. O a una mossa di ninja marketing con annessa contestazione alla pervasività di internet che obbliga a uscirne per attirare l’attenzione. Per un paio di giorni si rincorrono le voci e le congetture su quello che bolle in pentola per Thom Yorke e soci. Poi compare un teaser, un video di qualche secondo con un uccellino che cinguetta, grafica simile alla plastilina animata di Wallace and Gromit.

Esce un altro video, con una ragazza legata a un albero circondata da personaggi in tunica e maschera che brandiscono spade e ballano in tondo. Esce quindi una nuovo video diretto da Chris Hopewell, intitolato Burn the Witch, che racconta per esteso la storia. Tra immagini da cartone animato e colori pieni e allegri, si snoda il paesaggio onirico di un bel paesino, ma l’effetto in crescendo del pop orchestrale e lo sviluppo allucinato del racconto generano una straniante inquietudine che culmina nell’incubo.

L’animatore Virpi Kittu, che ha collaborato con le tecniche di stop motion, in un’intervista a Billboard ha spiegato il senso del video. Proprio i Radiohead hanno voluto affrontare temi come la crisi dei rifugiati e la crescente paura verso gli stranieri e i musulmani. Un clima di insicurezza, che contribuisce alla caccia alle streghe (appunto) e a politiche di chiusura.

È poi stato caricato un videoclip per la canzone Daydreaming, diretto da Paul Thomas Anderson. Il regista di Magnolia, Il petroliere e The Master segue stavolta un emaciato Yorke in un viaggio senza soluzione di continuità che sa di fuga dal mondo, accompagnato da una cantilena ipnotica. Proprio il chitarrista e tastierista dei Radiohead, Jonny Greenwood, ha firmato le musiche per alcuni film di Anderson.

Un altro singolo del nuovo album, a svelare il mistero di questi giorni, che sarà in uscita per l’Italia dalle 20 di domenica 8 maggio. L’ultimo disco è The King of Limbs risale ormai al 2011. E dal 20 maggio, i Radiohead saranno in tour, a riproporre il classico sound onirico ed elettrico.

Radiohead – Burn The Witch. www.radiohead.com

Un video pubblicato da Radiohead (@radiohead) in data:

 

Un video pubblicato da Radiohead (@radiohead) in data:

di Valentino Salvatore

Valentino Salvatore

Valentino Salvatore

Romano di primissima generazione. Pigro e irriverente. Appassionato di storia, letteratura fantastica, cinema e musica rock.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *