Marco Gaucho Filippi, il guitto velato in mostra a Forcella

image_pdfimage_print

Piccola mostra estemporanea di vignette satiriche. Quasi cento illustrazioni, tutte tratte da Riso avaro (blog de L’Espresso.it), riguardanti fatti ed eventi politici, di cronaca, di costume, avvenuti negli ultimi due anni.
Marco Gaucho Filippi ne coglie le contraddizioni e le ambiguità in maniera ironica e sarcastica. Uno spaccato satirico che invita comunque a una riflessione collettiva sulla società del nostro tempo. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e ha tra i suoi sostenitori lo Studio Fotografico “Oreste Pipolo”, L’Associazione di Promozione Sociale “L’Albero delle Storie” e l’Associazione di Promozione Socio-Sanitaria “La Farfalla Blu”.

Piccola riflessione su come è andata l’inaugurazione della mostra. Con onestà e senza giri di parole posso dirvi che è andata “benino” se dovessi valutare esclusivamente le presenze (20/25 persone in tutto) anche se il diluvio che ieri pomeriggio ha colpito Napoli non ha di certo aiutato… e benissimo se invece dovessi considerare l’esperienza in sé e l’arricchimento (umano) che ne sta derivando. Ho potuto scambiare due parole con tutti: con chi conoscevo già di persona, con chi era già mio amico sui social e anche con chi, cosa a mio avviso bellissima, non conoscevo per niente. Mi ha molto colpito e fatto riflettere la frase di un autoctono, capitato lì più per caso che per volontà, in un momento dove la pioggia scendeva copiosa ed erano soltanto le mie e le sue parole a rimbombare all’interno della struttura. Mi ha detto: “Marco, ma chi te l’ha fatto fare? Ce ne sono tanti di posti più belli a Napoli. Qui siamo a Forcella. Un quartiere difficile, impossibile. La struttura che hai scelto poi è un avamposto della legalità. Chi mette piede qui dentro fa una scelta ben precisa: quella di non piegarsi alla camorra, quella di combatterla. Qui caro Marco i turisti passano, ma la gente del posto non entra”. Io gli ho risposto molto semplicemente, forse anche con un po’ di presunzione: “L’ho scelto proprio per questo. Perché vorrei far entrare qui dentro più napoletani possibile. Anche uno soltanto sarebbe un grande risultato”. Lui mi ha sorriso e mi ha dato una sorta di carezza dietro la nuca. Il gesto più affettuoso che abbia mai ricevuto da uno sconosciuto. Ora però tocca a voi rispondergli: la mostra sarà accessibile fino al 4 giugno. Mi farebbe molto piacere se andaste a visitarla, magari in compagnia di qualche vostro familiare, amico o conoscente. Non fatelo per me. Ma per un quartiere che ha urgente bisogno di eventi come questo… e di persone come voi. -Marco Gaucho Filippi

MGF, il guitto velato -fino al 4 giugno 2016

Spazio Comunale Piazza Forcella
Via Vicaria Vecchia, 23 Napoli

Lunedì, Mercoledì, Venerdì, Sabato dalle 9,00 alle 13,00

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *