Italian Revolution: gli indignati e l’appello agli artisti e agli intellettuali