Lang Lang in concerto alle Terme di Caracalla

image_pdfimage_print

Suggestivo concerto quello previsto al Teatro alle Terme di Caracalla del pianista cinese Lang Lang in programma domenica 3 luglio alle 21, unica data italiana prevista. In occasione degli spettacoli estivi dell’Opera di Roma, Lang Lang propone un programma che accosta due grandi autori romantici come Čajkovskij e Chopin. Del primo sono in programma Le stagioni, un insieme di dodici brevi pezzi “di carattere”, che rappresentano musicalmente i dodici mesi dell’anno. Di Chopin invece, Lang Lang eseguirà i celebri Quattro Scherzi: pagine tra le pagine più esaltanti scritte dal compositore polacco.

“Sono felicissimo di tornare a suonare in Italia – dice Lang Lang – la scorsa stagione ho avuto tante occasioni per visitare il vostro Paese: sono stato a Torino, Milano, Firenze e Roma. Ho anche suonato alla serata inaugurale dell’Expo, davanti al Duomo di Milano: un sogno che si è realizzato. Quest’estate è la volta di un altro luogo incantevole: le Terme di Caracalla. Un posto che racconta la cultura e la storia del vostro Paese. Suonare in questi spazi mi dà un’enorme energia, e all’aperto è come se la musica prendesse il volo”.

Lang Lang ha cominciato a suonare il pianoforte all’età di tre anni e da allora non ha mai smesso. Diplomato al conservatorio di Pechino, ha collaborato con le orchestre più prestigiose, come la Filarmonica di Vienna e la Filarmonica di Berlino, e con i direttori più famosi (Barenboim, Mehta, Maazel, Slatkin). Nominato “Messaggero di Pace” dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, Lang Lang è stato protagonista di grandi eventi come la Cerimonia d’apertura dei Giochi Olimpici di Pechino nel 2008, i Grammy Awards di Los Angeles nel 2014 insieme ai Metallica e il concerto di chiusura dei Mondiali di Calcio a Rio de Janeiro.

Per informazioni:

www.operaroma.it/biglietteria/acquista-biglietti/

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *