Niccolò Fabi in concerto a Villa Ada con “Una somma di piccole cose”

image_pdfimage_print

A due mesi esatti dal concerto all’Auditorium Parco della Musica di Roma, Niccolò Fabi torna con un sold out nella sua città natale che lo accoglie con la passione di sempre. Il palco ad ospitarlo stavolta è quello di Villa Ada, che per l’occasione era estremamente gremita, una location a lui cara che lo ha visto crescere e diventare il poeta di oggi con quella somma delle sue piccole cose che lo rendono così unico e speciale. Ne ha fatta di strada Niccolò, venti anni di carriera dai suoi esordi e di parole in musica ne ha messe parecchie, ma i seguaci di nicchia che lo amano da tempo si sono moltiplicati. Sarà per le sue parole che arrivano dirette e si insinuano nella mente aprendo lentamente sempre nuove riflessioni, emozioni spesso crude, ma sempre vere. Tanti i brani del suo ultimo disco, Una somma di piccole cose, particolarmente introspettivo, scritto in solitudine quasi come un diario, e forse molto pieno del suo cammino non solo musicale degli ultimi anni. Sul palco la stessa formazione che insieme a lui sta girando l’Italia, con Alberto Bianco, Matteo Giai, Filippo Cornaglia e Damir Nefat ed infine il fedele amico di sempre Roberto Angelini che lo ha accompagnato per Attesa e inaspettata, l’ultimo brano prima di salutarci con i bis Una buona idea e Lontano da me. Probabilmente il periodo professionalmente migliore per lui, torna indietro tutto l’amore che ci ha trasmesso attraverso la sua musica e sarà sicuramente un crescendo. Grazie Niccolò “Dio” delle piccole cose.

di Marina Capasso
Foto di Andrea Cavallini

Marina Capasso

Marina Capasso

Laureata in Scienze della Formazione Primaria e dottore di ricerca in Pedagogia della Formazione. Lavora come insegnante di sostegno nella scuola primaria. Appassionata di musica jazz.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *