Frida Kahlo ritratta da Leo Matiz. Fino al 17 agosto a Venezia

image_pdfimage_print

Nello spazio espositivo Ar33studio, a Venezia, è possibile ammirare fino al 17 agosto la mostra “Frida a Venezia, vista da Matiz” con, a disposizione del pubblico, trenta scatti di uno dei più autorevoli fotografi del XX secolo, oltre che amico della Khalo, il colombiano Leo Matiz.

Le foto, in bianco e nero e a colori, ritraggono prevalentemente la pittrice in momenti della vita privata. Sono immagini catturate durante un periodo particolare della vita della Khalo in cui questa rivela una certa attitudine a stare davanti all’obiettivo. In alcune foto indossa vestititi dal taglio europeo, mentre in altre quelli tipici della tradizione del suo Paese. Le foto di Leo Matiz sono tra l’altro del medesimo periodo in cui Frida Khalo aveva raggiunto una certa maturità creativa e personale oltre ad aver accettato le proprie fragilità fisiche e l’infedeltà del marito Diego Rivera.

Gli organizzatori dell’evento, Ar33 Studio e la Leo Matiz Foundation, hanno pensato di inserire in questa mostra alcune immagini di Frida Khalo scattate dal fotografo colombiano Matiz e personalizzate dall’intervento dell’artista italiano Emanuele Viscuso negli Anni Ottanta. Vere e proprie opere d’arte realizzate con innesti materici e supporti bidimensionali che permettono a chi le osserva di entrare in empatia con i sentimenti di dolore che esse evocano e trasmettono.

Ne emerge una rappresentazione particolare di Frida Khalo che qui chiaramente dimostra ciò che è stata, ovvero una donna dal carattere forte nell’affrontare i problemi fisici ed emotivi della quotidianità in cui era suo malgrado immersa.

“Frida a Venezia. Vista da Matiz” fino al 17 agosto

AR33STUDIO
Tel. 041 2960129
info@ar33studio.com  – www.ar33studio.com

 

di Caterina Ferruzzi

caterina ferruzzi

caterina ferruzzi

Laureata in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale presso l'Università Ca'Foscari di Venezia. Formatrice nel campo dell'audiovisivo, scrittrice e videomaker.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *