Classiche Musiche Leggere, Paolo Damiani alla Casa del Jazz

image_pdfimage_print

Paolo Damiani, fine compositore e Direttore del Dipartimento Jazz del Conservatorio Santa Cecilia, con alle spalle una lunga e proficua carriera ricca di premi e riconoscimenti, è anche da sempre impegnato nella didattica e nella formazione di giovani talenti e nelle più svariate forme di ricerca musicale. Nel suo ultimo progetto, Classiche Musiche Leggere, il jazz e la musica classica si intersecano, attraverso rivisitazioni e arrangiamenti da lui stesso curati. Le melodie di Mozart, Corelli e Mussorgsky, infatti, incontrano i suoi temi, giungendo ad una musica soave ed estremamente evocativa.

A presentare questo suo ultimo lavoro ieri sera, sul palco della Casa del Jazz di Roma insieme a lui, grandi nomi del jazz italiano, talentuosi musicisti e insegnanti del Conservatorio come Danilo Rea al pianoforte, Rosario Giuliani al sax alto e soprano, Fabio Zeppetella alla chitarra classica ed elettrica, la delicata voce di Ludovica Manzo, Alessandro Paternesi alla batteria, Francesco Fratini alla tromba e Luigi Masciari alla chitarra elettrica e una sfumatura particolare grazie alla potente voce della soprano Min Ji Kim. Quest’ultima ci ha incantati con una splendida versione di Non mi dir, bel idol mio del Don Giovanni di Mozart. Una serata all’insegna della leggerezza, quale punto di arrivo del lavoro di Damiani, come lui stesso ha dichiarato, ricca di suggestioni e di assoli talentuosi, ma soprattutto un perfetto spirito d’insieme che solo grandi talenti riescono a creare.

di Marina Capasso

Foto di Giuseppe Capaldi

 

Marina Capasso

Marina Capasso

Laureata in Scienze della Formazione Primaria e dottore di ricerca in Pedagogia della Formazione. Lavora come insegnante di sostegno nella scuola primaria. Appassionata di musica jazz.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *