L’Eden dei Subsonica

image_pdfimage_print

E’ una piccola isola felice quella che i Subsonica decidono di condividere con i loro fans in occasione del Natale.
Il loro personale dono si chiama “Eden”, e il brano è davvero un regalo in ogni senso, visto che il gruppo ha deciso, suscitando l’approvazione generale, di rendere il download disponibile gratuitamente per un giorno sul sito ufficiale del gruppo www.subsonica.it.
Date le caratteristiche del brano i Subsonica hanno individuato nel circuito delle web radio universitarie e delle radio alternative  gli spazi più adatti per la diffusione del pezzo.
Eden è il pezzo che, come spiega il chitarrista Max Casacci, anticipa “un album multicolor, più luminoso del precedente che abbina forti intensità emotive a ironie visionarie, in alternanza di stati d’animo”.
Cosa hanno in serbo per noi questa volta i Sub?
Ci avevano lasciati con “L’eclissi”, disco che si era riappropriato delle influenze elettroniche e delle vecchie melodie per ritrovare “il codice” Subsonica dei primi lavori; “ molto concentrato sul presente” dove “si era “smarrita la voglia di venire a contatto con l’emotività che c’è dentro di noi” e che “ trasmette questo momento di buio”.
Ma a quanto pare anche il tempo de “La Glaciazione”, brano definito “quasi apocalittico”, sembra essere mutato e i ghiacci disciogliendosi hanno mostrato il verde di un giardino che rivela la ritrovata esigenza di entrare in contatto con la propria interiorità, di fare i conti con le nostre promesse e di superare i periodi bui, forse analizzandone non solo le cause esterne, ma cercando un intimo rifugio in un sogno protetto.

Max definisce Eden “un brano della maturità, sia nelle soluzioni musicali complesse e indefinibili, sia nel testo che parla della scelta di diventare adulti”. Anche Boosta dice la sua: “E’ forse il brano realizzato con più spontaneità e partecipazione da parte di tutti, nonostante la ricchezza di soluzioni musicali è stato composto e arrangiato quasi di getto”.

E nell’attesa di sentire gli altri profumi di questo nuovo lavoro, a intrattenerci sarà il video di questo primo brano, pronto a breve, realizzato anche grazie alla partecipazione in prima persona del pubblico dei Subsonica.

Aperte anche le prevendite per il tour che partirà il 31 marzo da Pordenone per concludersi a Bologna sabato 16 aprile.
Anche nello stabilire il  costo del biglietto, unico, di 20 euro, la band mostra tutta l’attenzione e la sensibilità nei confronti del pubblico, da sempre soprattutto giovanile, che per il momento sembra aver  accolto il nuovo brano nel modo più disparato: commenti entusiastici si alternano sul web a qualche perplessità per le sonorità  addolcite, a cui il gruppo non ci ha abituato, e i toni sommessi che però non sembrano preludere a grossi cambi di rotta…
Insomma, qualche dubbio all’impatto con la canzone che dal sito ufficiale arriva agli occhi di Ninja che così risponde al pubblico: “Traccia buona o meno buona, io credo molto buona, ma possiamo discuterne. Una cosa è certa: più di fare della musica e regalarla proprio non ci potete chiedere.”
Ma una sola traccia non possiede i prodromi sufficienti per capire se in questo nuovo album  siano contenute idee stravolgenti, oppure i Subsonica che conosciamo.
Non resta che aspettare qualche mese.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *