i-premiati-gran-finale

Successo per la seconda edizione del Premio Cinema Veneto Leone di Vetro

image_pdfimage_print

Il Veneto si riscopre, ancora una volta, terra di grandi talenti grazie alla seconda edizione del Premio Cinema Veneto Leone di Vetro. L’otto settembre all’Avanspettacolo Theatre restaurant di Venezia, si è svolto in concomitanza con la 73ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, istituito da Matteo Tosi e prodotto da Avanspettacolo e Mauro Furlan. Riconoscere un premio alle eccellenze venete del cinema italiano ed internazionale ha messo in luce i tantissimi talenti che costellano il panorama cinematografico contemporaneo. Preziosa la collaborazione organizzativa della consulente d’immagine, Antonella Marcon. La cena di gala con l’applauditissimo spettacolo di Nu-Art hanno creato l’atmosfera perfetta per la consegna dei premi. Presentatore d’eccezione proprio Matteo Tosi con la bellissima attrice Rita Rusciano. Premio Leone di Vetro per la veronese A.c. Production di Michele Calì e Federica Andreoli reduci dal successo di “Infernet”e proiettati a maggio per le riprese di: “Un amore così grande” dove Il Volo sarà per la prima volta nel grande schermo per un film che verrà girato tra Russia, Verona e Venezia. Un progetto nato con l’intento di far avvicinare i giovani alla lirica con Ricky Tognazzi, Paolo Conticini ed Eleonora Brown presente giovedì alla premiazione. Premio Leone di Vetro per il fotografo rodigino Mattia Zoppellaro che collabora con le più importanti riviste internazionali ed i suoi ritratti alle star sono noti in tutto il mondo. Leone di Vetro per i registi vicentini Luca Immesi e Giulia Brazzale con il progetto: “La Guerre Horrende” che, notizia dell’ultima ora, ha ottenuto i finanziamenti ministeriali. Le loro opere sono contraddistinte da un linguaggio unico per una commedia fantastica che indaga sui conflitti umani. Premio Leone di Vetro al  padovano Enrico Lando regista del film, campione di incassi: “I soliti Idioti”. La sua ultima fatica “La storia dell’Orso”: racconto surreale, ma vero, di un orso sotto processo. Premio Leone di Vetro ad un altro talento padovano: l’attrice, Sara Lazzaro. Per lei Leone di Vetro come attrice rivelazione per la straordinaria interpretazione di Maria nel film biblico “The Young Messiah” ora nelle sale americane diretto da Cyrus Nowrasteh. Premiato come attore rivelazione Ludovico Girardello di Vittorio Veneto, attore determinato e di grande talento impegnato nel set di Gabriele Salvatores: “Il ragazzo invisibile 2”. Ha ritirato il premio la sorella Federica. Premio Leone di Vetro per il veneziano direttore della fotografia Lorenzo Pezzano, che ha lavorato con i più importanti registi del panorama italiano.

Dulcis in Fundo: l’incantevole Maria Grazia Cucinotta ha ricevuto il Premio International Cinema Avanspettacolo Award 2016 voluto da Mauro Furlan. Il premio le è stato riconosciuto quale ambasciatrice del cinema italiano nel mondo. L’attrice ha dedicato il premio alla figlia che ha compiuto 15 anni e a Massimo Troisi: “Senza di lui io non sarei qui”. Venezia chiama Hollywood: da Los Angeles in un video in collegamento alcuni componenti dell’Associazione Italiani a Los Angeles: Paola Cippollina di Lafirstep, Max Leonida, Edoardo De Silvestris ed il rodigino Mauro Borrelli che hanno raccontato, brevemente, la loro esperienza nel cinema americano.

L’edizione 2016 è stata, indubbiamente, un successo e si pensa già alla prossima.

di Marzia Santella

Marzia Santella

Marzia Santella

Laureata in Scienze Politiche, è scrittrice di romanzi e giornalista pubblicista. Collabora con Itali@ Magazine e con il quotidiano La Voce di Rovigo. Tratto distintivo: una passione sfrenata per l'arte, la musica e la fotografia.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *