Jattura, la birra artigianale parla napoletano

image_pdfimage_print

Martedì 25 ottobre è stata presentata Jattura, la Scotch Ale di Kbirr (che tradotto dal napoletano suona più o meno “Accidenti, che birra!”), in un tipico “basso” nel cuore di Spaccanapoli, in vico dei Maiorani.  Per l’occasione c’era anche donna Titina  che offriva il suo ragù e l’artista Roxy in the box nota per le sue opere di street art, irriverenti e pop, disseminate proprio nei vicoli di Napoli. Il creatore di Kbirr è Fabio Ditto, che dichiara:«KBirr dimostra come il territorio campano sia vocato alla produzione della birra e non abbia nulla da invidiare ai paesi Europei. È una birra moderna, contemporanea ma anche il prodotto della terra campana. Una birra semplice, diretta, festosa nel linguaggio».

Ditto , imprenditore napoletano di 43 anni, è grande conoscitore e cultore della birra di alta qualità: la sua passione, nata dai frequenti viaggi in Germania, l’ha portato a fondare nel 1999 Loco for Drink, l’azienda leader in Campania per l’importazione e distribuzione di birre nazionali ed internazionali. L’azienda, che dedica una particolare attenzione alle produzioni di micro birrifici a lavorazione artigianale, oggi conta 200 clienti in tutta la Campania (birrerie principalmente ma anche pizzerie e ristoranti). L’aspirazione di Ditto di creare in Campania una birra di qualità rigorosamente artigianale si realizza grazie alla collaborazione con il maestro birraio Achille Certezza del micro birrificio Chiari Sas.

NATAVOT, 5,2% vol., 7°C
birra campana artigianale

 

Un omaggio a San Gennaro sull’etichetta, Santo Patrono di Napoli, il nome richiama il rinnovarsi del miracolo dello scioglimento del sangue “Natavòt” infatti tradotto dal napoletano significa “Ancora, di nuovo”. Birra chiara opalescente. Leggera, fresca e dissetante dal finale leggermente luppoloso.

 

 

 

 

JATTURA 8,5% vol. , 10°C

birra campana artigianale

Un richiamo alla scaramanzia tipica napoletana, il corno portafortuna disegnato sull’etichetta di questa Scotch Ale dal colore ramato carico prodotta con una percentuale di malto di whisky affumicato con legno di torba. Al naso il torbato è subito evidente insieme ai sentori di malto e caramello. In bocca è dolce e corposa con tenue nota di affumicatura. L’amaro del luppolo è appena percettibile e ben bilanciato dalla componente maltata.

 

 

 

 

PALIAT 9,0% vol., 10°C

birra campana artigianale

Sull’etichetta è raffigurato un mastino napoletano, mentre il nome di questa Imperial Stout, tradotto dal napoletano significa “solenne bastonata”. Birra dal colore nero, quasi impenetrabile, schiuma color nocciola, copiosa e persistente. Al naso si percepiscono le sfumature dei malti tostati al luppolo. Al palato si presenta corposa con un impatto maltato che lascia spazio alle note di caffè, nocciola e cioccolato amaro.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *