Lares Familiares, la mostra di Sonia Lenzi al Mann

image_pdfimage_print

Domenica 6 novembre  alle ore 11.00 al Mann-Museo Archeologico Nazionale di Napoli sarà inaugurata la mostra LARES FAMILIARES” di Sonia Lenzi a cura di Marco De Gemmis e Gerry Badger presso la Sala Espositiva del Servizio educativo del Museo.

Nel mondo romano, e quindi anche in area vesuviana, i Lari erano divinità che assicuravano protezione e fortuna alla famiglia di appartenenza e che occupavano un posto d’onore nel cuore della casa all’interno di un’edicola particolare, il lararium. Il culto a loro tributato e i lararia hanno una forte relazione con certe credenze della Napoli odierna e con le edicole votive presenti nei vecchi quartieri della città. In questa mostra si annulla la distanza cronologica tra i due fenomeni. I Lari delle collezioni del Museo divengono oggetti fotografici tridimensionali che alcune famiglie dei Quartieri Spagnoli, del Rione Sanità, di Forcella e del Mercato inseriscono negli altari devozionali da loro curati. Le antiche statuette in bronzo, così, “tornano al lavoro”, aggiungendo nelle edicole le loro voci alle altre che intercedono per i defunti. Inoltre, in sette piccole edicole, veri e propri larari contemporanei, le due tradizioni vivono l’una accanto all’altra.
Sonia Lenzi è interessata alle relazioni tra le persone, le epoche e le tradizioni culturali. Il suo lavoro indaga i legami e le interazioni nell’ambiente domestico, ma anche all’interno di quella grande famiglia che è la società. Molti suoi progetti contengono un aspetto “performativo”, una dinamica relazionale.  Terminata la mostra, i lari contemporanei prenderanno posto nelle edicole votive, come promesso ai loro custodi, con la speranza che vi rimangano permanentemente portando la loro bona fortuna direttamente dall’antica Roma.

MANN
Piazza Museo Nazionale, Napoli
Telefono: 081 4422149
www.museoarcheologiconapoli.it/it/

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *