“Lo Schiavista”, l’imperdibile romanzo di Paul Beatty

image_pdfimage_print

Premessa:

Talvolta, come ebbe a dire Flaiano, “ la linea più breve tra due punti è l’arabesco”. E’ questo uno di quei casi, laddove, prima di giungere al consiglio di non lasciarsi scappare un libro molto, molto piacevole, ho ritenuto importante aprire una parentesi sulla letteratura afroamericana. L’esito è un pezzo insolitamente lungo, che spero non scoraggi i lettori.

“The Sellout ”, dello statunitense Paul Beatty, ha vinto l’edizione 2016 del prestigioso premio letterario britannico “Man Booker Prize”. In Italia il libro, intitolato “Lo Schiavista”, tradotto da Silvia Castoldi, è uscito il 6 Ottobre per Fazi Editore. Amanda Foreman, presidente di giuria, a proposito dei sei candidati alla vittoria aveva dichiarato che essi riflettono “ciò che è centrale nel romanzo modernola sua capacità di difendere ciò che non è convenzionale, di esplorare l’ignoto e di affrontare tematiche spinose”. Ho considerato tali parole come un suggerimento circa gli elementi di cui tenere conto, tra gli altri, durante la lettura. Ho ritenuto, cioè, imperativo valutare se “Lo Schiavista” rispetti i parametri della scelta per poi riferire quanto di non convenzionale, di nuovo, di spinoso effettivamente contenga. Inverto per comodità la terna e comincio da quell’ultimo “spinoso”.
Paul Beatty, classe 1962 è uno scrittore di colore che affronta – qui, come in tutta la sua precedente produzione fatta di poetry slam (poesia orale), romanzi e racconti-  il tema razziale, ancora oggi tra i più spinosi per la letteratura americana. L’opportunità di dare voce ai problemi dei neri ma soprattutto la necessità di stabilire se abbiano titolo a scriverne solo gli autori di colore o anche quelli bianchi, sono, infatti, argomenti molto discussi. Interessante, a tal proposito, la voce di  Jonathan Franzen:- “Ho pensato di farlo ma non ho molti amici neri. Non sono mai stato innamorato di una nera. Scrivo di personaggi, e per scriverne devo amarli. Se non hai mai amato direttamente una categoria di persone –una persona di un’altra razza, o una profondamente religiosa– penso sia molto difficile azzardarsi, o inevitabilmente anche aspirare, a scrivere dal loro punto di vista”.
L’autore de “Le correzioni” sembrerebbe in perfetta linea con le  due posizioni  assunte a capisaldi della diatriba, sintetizzabili con l’idea di ascrivere alla “letteratura afroamericana” una prerogativa politica non accollata a quella bianca, alla quale invece compete  “registrare il presente per uno spirito di esplorazione, generosità, curiosità, audacia, compassione, ma non di dibattito, ne’ critica” (così Lionel Shriver), e di sconsigliare “agli scrittori bianchi” certi argomenti  più consoni ai colleghi afroamericani, per evitare -dato l’attuale popolarità dei temi razziali- l’accusa di ricercare solo il successo.
Tentativi di “invasioni di campo” di grande livello letterario, tuttavia e per nostra fortuna, ci sono. Penso all’ottima prova di Philip Roth ne “La macchia umana”, dove  Coleman Silk, il protagonista, decide di subire un’ infondata accusa di razzismo pur di preservare l’inconfessabile segreto sulla propria identità, o a quella che valse a J. R. Moehringer  nel 1999 il premio Pulitzer con “Oltre il fiume”, un documento sui neri della Gee’s Bend, piccola comunità di ex schiavi rimasta isolata nell’omonima striscia di terra a ridosso del fiume Alabama.
Così pure non mancano gli esempi di scrittori afroamericani che hanno rivendicato un’autonomia dai temi classici di riferimento, attirandosi perciò il biasimo per aver rinnegato le proprie origini. Obbligatorio citare Everett Percival il quale ha replicato alle critiche rilevando che “essere neri non significa scrivere  solamente di segregazione e schiavitù. Così come non scriverne non significa essere a favore della segregazione e della schiavitù”. Gli scrittori possono “semplicemente essere attivisti silenziosi, coscienziosi romanzieri”.
Paul Beatty si inserisce, con “Lo schiavista”, meritatamente tra gli scrittori del calibro di Toni Morrison (Prima afroamericana insignita del Nobel),  Alice Walker ( autrice de “Il colore viola”), Maya AngelouJamaica Kincaid, che hanno fatto grande la letteratura “afroamericana”.   Altrettanto meritatamente si è aggiudicato il “Man Booker Prize” per aver scritto un libro non convenzionale con riguardo alla trama, al genere, nonché alla lingua, che gli hanno consentito di affrontare in maniera avvincente, attraverso prospettive inesplorate, lo spinoso  tema razziale.
Protagonista del romanzo è “Bonbon”, uomo di colore della piccola borghesia, che vive a Dickens, sobborgo della periferia di Los Angeles. Allevato da un padre single, studioso di scienze sociali, che lo usa come cavia per sperimentare le proprie teorie sociologiche sulla razza, dopo l’omicidio del genitore per mano della polizia,  “sembra prendere coscienza delle tribolazioni della razza nera”  e si sente pronto “a realizzare qualcosa nella vita” . Quasi che il cadavere del padre gli dicesse:- “Lo vedi, negro, se una cosa del genere può capitare al nero più intelligente del mondo, immagina cosa potrebbe succedere a un deficiente come te. Solo perché il razzismo è morto, non significa che non sparino più ai neri a vista”.
Insieme  a Hominy Jenkins, vecchio attore di colore, un tempo tra i protagonisti de “Le Simpatiche Canaglie” autoproclamatosi suo schiavo, reintroduce  la segregazione razziale nel ghetto per spronare i neri a ricompattarsi e a rivendicare il proprio ruolo sociale. L’ avventura si concluderà  davanti alla Corte Suprema, punto a partire dal quale comincia la narrazione.  La condizione dei negri in America è simile ad un disagio cronico.
La scelta dell’autore di affrontare l’argomento affidandolo alla satira, escogitando una soluzione paradossale che origina situazioni di grande comicità, fa de “Lo Schiavista” un libro che si legge spedito e con la risata, sempre a fior di labbra, pronta a prorompere. Beatty è quello che si definisce un uomo colto, che conosce il latino: spassosissime sono le pagine sui motti tatuati nell’ antica lingua.  Apprezzabile che non ricorra ne’ ad un linguaggio eccessivamente aulico, ne’ alla finzione del gergo come capita ai negri che tra loro “parlano in gergo, con la pronuncia del ghetto e quando” vanno “invece in televisione sembrano Kelsey Grammer con il bastone nel culo”. L’uso della lingua è sapiente: vi si mescolano il parlato, il forbito, il gergale, perfino lo scurrile con un risultato di verosimiglianza e autenticità da cui il romanzo trae grande vantaggio . Che cosa dire poi delle metafore? Originalissime, divertenti e contemporaneamente efficacissime.
“Lo Schiavista”  è decisamente un romanzo piacevole, irriverente, divertente, profondo: in una parola, imperdibile.
P.S:
Scrivere  de “ Lo schiavista” all’indomani della elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti D’America  da alla cosa un  non so che di surreale.  La recensione di un libro non è certo il “luogo” adatto ad analisi politiche e sociologiche, ne’ tantomeno per formulare auspici. Le eccezioni sono però talvolta ammesse.  La genialità di Beatty, oltre al linguaggio e all’ironia di cui si è detto, si concretizza nell’idea “ blasfema” di riproporre la segregazione razziale per infondere negli afroamericani di Dickens l’orgoglio dell’identità etnica, per istillare loro il desiderio di partecipazione, per incoraggiarne le rivendicazioni di equità e uguaglianza. Chissà che  l’ America non tragga dalla rappresentanza di Trump lo stimolo per imboccare la strada verso la definitiva integrazione.

di Antonietta Molvetti (molvettina.blogspot.it)

Paul Beatty, “Lo Schiavista”, 2016, Fazi Editore, pagg.370, Euro 18,50

Antonietta Molvetti

Antonietta Molvetti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *