“Magnum Life”. Il fotogiornalismo che ha fatto la storia, in una mostra

image_pdfimage_print

Si è aperta il 4 marzo e proseguirà fino all’11 giugno la mostra “Magnum Life” presso il Museo del Violino di Cremona.

Molto più di una mostra fotografica, essa è infatti un vero e proprio viaggio all’interno di un mondo, quello del fotogiornalismo, che attraverso le immagini ha saputo raccontare gli avvenimenti in modo unico e diretto in un’epoca in cui il mezzo televisivo non la faceva ancora da padrone.

Un percorso espositivo che vede accostate insieme per la prima volta la celebre rivista americana Life e la cooperativa di fotografi “Magnum” che ha preso vita nel 1947 grazie a Robert Capa, David Seymour, Henri Cartier-Bresson e George Rodgervide. Lo scopo di questa particolare agenzia era quello di rendere i fotografi liberi dalle richieste dei committenti e capaci di esprimere senza vicoli la propria arte, proponendo poi in piena autonomia alle testate i loro scatti, pur sempre rimanendo proprietari dei negativi.

Life, il fortunato settimanale fondato nel 1936 da Henry Luce, “ospitò” i reportage di fotografi ritenuti oggi tra i più importanti del XX secolo, trasferendo le potenti immagini di questi su carta stampata e diffondendo così al suo pubblico di lettori il racconto di alcuni dei fatti più importanti del secolo scorso.

In particolare in questa esposizione possiamo vedere tre reportage di Robert Capa, uno relativo alla guerra civile spagnola, uno allo sbarco in Normandia e infine uno relativo alla Guerra in Indocina, durante la quale il fotografo perse la vita.

Non possiamo inoltre non citare le drammatiche immagini scattate da Bruno Barbey che ci portano all’interno del conflitto in Vietnam, restituendoci momenti in e oltre il fronte che emozionano per la loro potenza comunicativa.

In questa mostra, curata da Marco Minuz, possiamo ammirare dunque gli scatti di Eve Arnold, Werner Bischof, Bruno Barbey, Cornell Capa, Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Bruce Davidson, Elliott Erwitt, Ernst Haas, Philippe Halsman, Inge Morath, Dennis Stock, tutti capaci di sommare insieme espressività e bellezza, tutti in grado di parlare e raccontare i fatti più di tante parole.

Se contestualizziamo il tutto al momento storico in cui i fotografi citati lavorarono, possiamo capire quanto il loro occhio sia stato in grado di cogliere, anche nei momenti più disperati, una realtà e congelare questa ad eterna testimonianza di fatti e sentimenti. Le immagini comunicano, ci parlano, si muovono pur nella loro apparente immobilità.

Bellissima la sala dedicata alle foto che Dennis Stock scattò a James Dean in momenti privati della sua vita, a breve distanza dal tragico destino che lo colse ancora giovanissimo. Immagini di vita vera, fuori dal mito, ma che in un certo senso ne esaltano ancora di più questo aspetto.

Gli amanti del cinema certo si appassioneranno anche nell’addentrarsi nella sezione dedicata agli scatti che ben nove fotografi catturarono durante le riprese di “Misfits” (“Gli spostati”), film di John Huston, sceneggiato da Arthur Miller e con protagonisti Marylin Monroe, Clark Gable e Montgomery Clift. A Magnum venne data l’esclusiva di seguire le fasi realizzative e noi possiamo qui ammirare esposti gli scatti di Eve Arnold, Cornell Capa, Henri Cartier-Bresson, Bruce Davidson, Elliot Erwitt, Ernst Haas, Erich Hartmann, Inge Morath e Dennis Stock. Una documentazione importante che ci descrive con tocco anche poetico il grande meccanismo produttivo cinematografico americano di quel tempo.

Da segnalare infine anche i contributi video e alcuni numeri originali della rivista Life che permettono al visitatore di contestualizzare al meglio quanto è già sapientemente esposto.

La mostra di Cremona è una delle tre (insieme a Torino e Brescia ) organizzate in Italia per celebrare i 70 anni dalla nascita dell’Agenzia Magnum.

Info

tel. 0372.808804

Museo del Violino – Piazza Marconi

Cremona, 26100, Italia

                

Per le foto di questo articolo Copyright:
USA. Nevada. US actress Marilyn MONROE on the Nevada desert going over her lines for a difficult scene she is about to play with Clarke GABLE in the film “The Misfits” by John HUSTON. 1960/ © Eve Arnold/Magnum Photos

USA. New York City. 1955. James DEAN haunted Times Square/© Dennis Stock/Magnum Photos 

SOUTH VIETNAM. US bombardment, after the battle of An Loc. 1972/© Bruno Barbey/Magnum Photos

caterina ferruzzi

caterina ferruzzi

Laureata in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale presso l'Università Ca'Foscari di Venezia. Formatrice nel campo dell'audiovisivo, scrittrice e videomaker.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *