Banda Ikona al Teatro Vascello

image_pdfimage_print

E’ una musica che unisce e avvicina, che fa dialogare lingue e culture in un continuo scambio quella di Stefano Saletti e della sua Banda Ikona. Ieri sera ospiti del Teatro Vascello di Roma, ci hanno cullato con le loro note sullo onde del Mediterraneo, da Lampedusa ad Istanbul, da Lisbona a Tangeri, tra passione, dolore e sofferenza di quei popoli che hanno scritto la storia di questi secoli. Il loro ultimo lavoro Soundcity è una vera e propria raccolta di racconti delle città di frontiera e un insieme di suoni e rumori catturati per le strade durante i loro viaggi; il disco è cantato in Sabir, antica lingua franca utilizzata dai pescatori come legame e segno di appartenenza allo stesso mare. Messaggi profondi e a volte strazianti, come nel Padre Nostro in Sabir, ma anche segnali di speranza e di cooperazione in questo mondo sempre più complesso.

Oltre alla splendida presenza di Barbara Eramo, voce della Banda ormai da dodici anni, è da sottolineare la partecipazione di Lucilla Galeazzi in una meravigliosa interpretazione del brano “Queste parole” colonna sonora del film Il contagio per la regia di Matteo BotrugnoDaniele Coluccini; le delicate voci di Yasemin Sannino e Gabriella Aiello. Ma gli ospiti e amici della serata sono stati numerosi, da Mario Rivera al basso acustico, Giovanni Lo Cascio  e Arnaldo Vacca alle percussioni, Gabriele Coen al clarinetto e sax, Carlo Cossu al violino. Due ospiti d’eccezione Nando Citarella alla tammorra e Pejman Tadayon ney e kemenche, hanno impreziosito la performance e allargata con il loro background.

La richiesta di un bis da parte di un pubblico estremamente partecipe è stato accontentato con una rivisitazione del brano del 1973 dello straordinario Domenico Modugno “Amara terra mia” che ci ha lasciati con un po’ di tristezza nel cuore, ma anche con la speranza di un domani migliore.

Marina Capasso

Marina Capasso

Laureata in Scienze della Formazione Primaria e dottore di ricerca in Pedagogia della Formazione. Lavora come insegnante di sostegno nella scuola primaria. Appassionata di musica jazz.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *