Guardami negli occhi. La tecnica del Mirroring

image_pdfimage_print

Una delle armi più potenti utilizzate dal narcisista è lo sguardo.
Durante la fase dell’idealizzazione, la prima fase della relazione, un narcisista è perfettamente in grado di riflettere ogni desiderio della vittima semplicemente guardandola negli occhi.
Amore, desiderio, intimità, fiducia: tutto viene rispecchiato nello sguardo del narcisista.
In questo modo il narcisista si assicura che la vittima veda esattamente ciò che vuole vedere.
Questa abilità di rispecchiamento va a mascherare il vuoto profondo che caratterizza la reale personalità del narcisista, permettendogli di imitare alla perfezione il comportamento più adeguato.
Si tratta di una recita, un’imitazione pressoché perfetta, ma va sottolineato che – in realtà – un narcisista non prova assolutamente alcuna delle emozioni che i suoi occhi stanno dichiarando.
Analogamente, un narcisista è in grado di simulare qualsiasi altro comportamento non verbale: il sorriso, l’aria sorpresa, il tono della voce, ecc.
Al fine di sopravvivere, un narcisista elabora quindi con cura il facsimile di ogni emozione, riuscendo a padroneggiare con eccellenza la tecnica del mirroring, appunto del rispecchiamento.
La vittima desidera così tanto sentirsi amata da convincersi a vedere tutto l’amore di cui ha bisogno proprio negli occhi del narcisista.
Nel rispecchiare quello sguardo, il narcisista acquisisce informazioni sulla vittima, sui suoi desideri e bisogni, e rinforza le proprie capacità di rispecchiamento e manipolazione.
Ma, come tutte le mistificazioni tipiche della modalità relazionale del narcisista, anche la tecnica del mirroring ha vita breve.
Molto presto lo specchio va in frantumi e la vittima si trova a guardare nella voragine vuota dell’anima del narcisista.
L’arido retroterra, privo di qualsiasi emozione, è tutto ciò che troverà nell’incontrare lo sguardo dell’uomo che ha amato.
Questo è il motivo per il quale, decaduta la fase dell’idealizzaizone, una vittima non troverà più nulla di quanto ha vissuto: un narcisista non è in grado di generare realmente dentro di sé quelle emozioni.
Frantumato lo specchio, resta solo vuoto.
E la verità del narcisista: una verità cruda, fredda, senza vita.
Si dice che gli occhi siano lo specchio dell’anima.
Purtroppo, l’anima di un narcisista è stata deturpata molti anni prima e gli occhi tradiranno sempre questa verità.
Sterile e glaciale, lo sguardo del narcisista tradirà sempre ciò che egli è: privo di emozioni e spiritualmente esanime.
Tristemente, l’unico elemento di vitalità per un narcisista è rappresentato dall’odio e dalla rabbia.
Una rabbia cieca verso un mondo che viene sempre percepito ingiusto ed ostile e del quale la vittima ne costituirà ben presto l’unica rappresentazione.
È contro di lei che verrà riversato ed è a lei che verrà rivolto l’unico verso sguardo del narcisista: uno sguardo pieno di disprezzo e miseria.

di Claudia Scarpati
Psicologa Psicoterapeuta 
www.narcisista.it

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *