Palazzo Gulinelli, Ferrara. L’approccio BIM applicato a un progetto di restauro

image_pdfimage_print

Palazzo Gulinelli, di proprietà della Fondazione “Opera Don Cipriano Canonici Mattei”, si trova a Ferrara in Corso Ercole I d’Este 15.  L’edificio è stato seriamente danneggiato dagli eventi sismici del 2012 che hanno coinvolto l’Emilia. Questo evento calamitoso è stato motivo per la proprietà di affrontare, con l’aiuto di finanziamenti europei erogati dalla Regione Emilia Romagna, il restauro ecosostenibile del palazzo. La metodologia progettuale ha inglobato i meccanismi di controllo e gestione dei crediti della certificazione LEED – GBC secondo il protocollo HB.

L’edificio ha ricevuto un finanziamento pubblico di circa € 4.511.000, erogato dalla piattaforma MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia), a cui si aggiunge un investimento della Fondazione di circa € 4.000.000. Il palazzo ha una superficie calpestabile pari a 3.835 mq suddivisa su 3 piani, con annesso giardino storico di circa 10.000 mq.

Il progetto di restauro, curato dall’architetto Cristiano Ferrari e dall’ingegnere Eugenio Artioli di Binario Lab – Studio di Ingegneria e Architettura sostenibile, è stato affrontato mediante la progettazione integrata BIM (Building Information Modeling) realizzando un modello di informazioni che contiene non solo la rappresentazione tridimensionale dell’edifico ma anche tutte le sue caratteristiche funzionali.

La costruzione del modello è basata sulla progettazione simultanea e collaborativa degli interventi strutturali, architettonici e impiantistici.

La complessità e l’impegno iniziali richiesti dalla progettazione integrata da parte di tutti gli attori coinvolti hanno poi portato numerosi vantaggi: una sensibile diminuzione dei tempi progettazione e un migliore coordinamento nella fase di costruzione dell’opera.

Tutti i dati possono essere aggiornati, gestiti ed estratti dallo stesso unico modello in modo simultaneo e controllato da tutti gli attori coinvolti nella progettazione grazie al sistema di condivisione cloud.

Ogni intervento è stato studiato ad un livello di dettaglio molto alto per monitorare ogni possibile clash detection (interferenza) delle unità strutturali ed impiantistiche, facilitando così le realizzazioni in opera ed il rispetto del cronoprogramma dei lavori.

Nonostante le procedure della modellazione BIM siano state sviluppate per progetti di nuova costruzione si è visto come esse possano essere applicate vantaggiosamente anche a progetti di restauro. Negli interventi su edifici storici si affronta una composizione storica articolata di elementi che determina lo stato della struttura. L’approccio BIM fornisce un grande aiuto nel rilievo grazie al rilievo laser 3D, che permette una modellazione tridimensionale estremamente precisa e governabile. Il modello, inoltre, può contenere tutti i dettagli e le caratteristiche degli elementi e dei materiali dell’edificio dal punto di vista diagnostico. Sono state raccolte tutte le informazioni relative ad ogni singolo elemento, e ogni elemento è stato modellato tridimensionalmente grazie al rilievo laser scanner ed archiviato secondo un sistema di catalogazione univoco.

La creazione del modello genera quindi un unico database, che pone in relazione tutte le fonti di informazioni relative all’edificio.

L’approccio BIM non si conclude con la realizzazione dell’intervento di restauro, ma il modello creato continua ad essere utilizzato anche per la razionale gestione dell’edificio e per la programmazione della sua manutenzione. Questo strumento può essere di grande utilità per la committenza, soprattutto nel caso di strutture complesse ad uso del pubblico come nel caso di Palazzo Gulinelli. Il database creato con tutti i componenti utilizzati può essere arricchito con scadenze e previsioni di controlli, sostituzioni e riparazioni garantendo una rappresentazione di tempistiche e costi aderenti alla realtà.

Il modello contiene, quindi, una rappresentazione virtuale dell’oggetto, dell’intero processo costruttivo e delle strategie di manutenzione e gestione dell’organismo architettonico. Il database può essere utilizzato per creare simulazioni puntuali prevedendo tempi e costi delle lavorazioni e per estrarre, gestire e controllare tutte le singole aree di intervento relative a realizzazione e manutenzione.

Questi e altri aspetti del progetto di Palazzo Gulinelli saranno presentati al Salone del Restauro che si svolgerà a Ferrara dal 21 al 23 marzo 2018. Il 22 marzo pomeriggio il Palazzo sarà aperto alle visite.

Fotografie del prima e del dopo i lavori - crediti Elena Romani

 

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *