#RGB18 – BACK TO THE FUTURE – ROMA SI ILLUMINA CON RGB LIGHT EXPERIENCE: IL PRIMO FESTIVAL DI LIGHT ART DELLA CAPITALE

image_pdfimage_print

ROTOR di VOLNA

“Back to the future”: un viaggio nel passato per modificare un futuro insoddisfacente, mettendo in
pratica oggi nuove azioni che inevitabilmente determineranno nuovi futuri. L’arte può avere questo
potere? Questo è la sfida di RGB Light Experience – Roma Glocal Brightness, il Festival urbano di
light art, pronto a tornare con la terza edizione dal 7 al 9 dicembre 2018, forte delsuccesso riscosso
nelle passate edizioni e le partnership con i più importanti Festival della luce europei.
Il Festivalsi svolgerà a Roma nel triangolo di territorio che ha per vertici l’isola pedonale del Pigneto,
l’Acquedotto Alessandrino di Parco Sangalli e Piazza Malatesta, un percorso di circa quattro
chilometri che si snoda lungo le vie storiche, le bellezze architettoniche e archeologiche del V
Municipio. Tre giorni, dal tramonto a notte fonda, per mostrare la città sotto una luce nuova
attraverso 21 opere site specific di light art, urban light e video mapping, proposte da artisti
nazionali e internazionali, celebri ed emergenti.
Protagonista la light art, nuova corrente dell’arte urbana contemporanea legata alle arti visive e alle
varie applicazioni della “luce”, grazie a cui la città diventa un museo a cielo aperto, fruibile da tutti.
L’esperienza di RGB Light Experience permette al pubblico di immergersi nei crepacci urbani,
creando un percorso artistico dedicato alla condivisione di esperienze e all’esplorazione del
patrimonio materiale ed immateriale della città.
Territorio, realtà locali e cittadini sono al centro di questo progetto, che propone l’illuminazione
artistica urbana come un linguaggio alternativo che unisce arte e sociale, favorendo la coesione
sociale e la crescita territoriale.

Una sezione dell’esposizione (11 opere) è parte del programma di Contemporaneamente Roma
2018 promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale e realizzato in collaborazione
con SIAE. Potrete sbriciare le scene di vita in un ipotetico futuro che si rispecchia con il presente con
il video mapping I am you di Alice Felloni – aka VJ ALIS, presente per la seconda volta a RGB; o
percepire la sottile linea che separa presente e futuro con No79 41°53’01.2″N 12°32’30.1″E di
Robert Sochacki, docente dell’Accademia di Belle Arti di Danzica. Ancora, immergervi nella “polvere
di diamante” grazie all’installazione Myrkviðr di Yasuhiro Chida, primo artista asiatico ad aver
partecipato ai più importanti Festival di Light Art europei; mentre potrete interagire con l’opera del
duo russo Tonoptik, Yury Tolstoguzov e Alexander Inkov, Leuchtkraft. L’italiana Vj Janus si esibirà
in una performance itinerante Itertime; mentre Diego Labonia ha progettato per il festival Near
Death, un ambiente multisensoriale che cerca di decostruire l’immaginario della morte. Il light
designer italiano Federico Baruzzi VAJ propone Altalene un intervento che rivaluta uno spazio
abbandonato, colmando con la luce un vuoto. Si prosegue con l’opera d’arte cinetica 1-11,5 Hz
dell’architetto finandese Kai van der Puij. Infine, il giovane artista belga Willem Mertens che
propone Ctrl + alt + esc, un’opera che riflettere sul rapporto tra uomo e spazio. Presso il Centro
Culturale Spazio Impero – partner ufficiale del Festival – saranno esposte 0.04 di Yasuhiro Chida,
l’installazione laser Rotor del collettivo russo Volna che consente ai visitatori di perdersi nel tempo
e nello spazio, osservando la rotazione immaginaria del cilindro luminoso ispirato alla macchina del
tempo di Tipler e, un progetto extra, l’opera partecipata di Metadiapason Memory XII realizzata da
nastri VHS.
In mostra cisaranno altri 9 progetti inediti e site specific ideati da artisti italiani, vincitori della nostra
campagna crowdfunding lanciata sulla piattaforma Eppela e parzialmente finanziata da Nastro
Azzurro Crowd. Sarà presente Tommaso Rinaldi (aka High Files), affermato visual artist torinese,
con l’opera di denuncia ambientale Clorophylla PRJ; mentre il trio Crono composto da Federico
Cecchi, Andrea Daly (già ospiti di RGB 2017) e Roberto Sassoli propone un’installazione dal grande
impatto socio-pedagogico Hope in a bottle. Il collettivo VJIT (Dalila D’Amico e Francesco Iezzi) feat
Alexia Robbio presenta l’installazione Omaggio a Nico D’Alessandria, celebrazione del film
L’imperatore di Roma (1987). Ancora, Federico Baruzzi VAJ interviene sul mercato di Largo
Perestrello con Fantasmi Urbani; mentre il trio Mediamash Studio (Luca Mauceri, Jacopo Rachlik e
Emilano Renzini) propone l’installazione auto-costruita La Racine (esposta presso il Teatro Studio
Uno), il giovane duo Niccolò Forcella e Martina Mele riflette sul problema dell’emarginazione
sociale con l’opera Urban Captivity. Saranno presenti Fabrizio Cicero con ilsuo Ricordo Semi-solido,
Raffaele Settembre con la scultura Finestra Dimensionale installata presso Parco Giordano Sangalli
e Luca Cataldo, affermato artista multimediale, con l’opera interattiva Real Back – Il passato è il
risultato.

Saranno inoltre presentati 3 progetti speciali. Presso Arena Aurora, ex arena cinematografica sita
in Via di Torpignattara 78, gli spettatori potranno vivere un’esperienza giornalistica unica, che li
catapulterà in una cella di isolamento insieme a Kenny Moore, il protagonista del racconto, frutto
dell’incontro tra giornalismo, teatro e realtà virtuale, After solitary prodotto dal team statunitense
Emblematic. Ancora ad arena Aurora RGB presenterà Analog 3d, proiezioni olografiche provenienti
dal passato. Infine, il gruppo Sync che, in via Carlo della Rocca, proporrà una mappatura audio del
quartiere con I colori sonori di Tor Pignattara.
RGB è un progetto artistico dalla grande connotazione sociale, che punta ad ampliare il
coinvolgimento dei cittadini, collaborando con le molteplici realtà presenti sul territorio. Ne sono
un esempio i laboratori per bambini sostenuti da Leonardo Zaccone ed Emanuela Amadio presso
la Scuola primaria Carlo Pisacane (via Acqua Bullicante) e presso la Casa della Cultura di Villa de
Sanctis sita in via Casilina, pensati per sensibilizzare ed educare le nuove generazioni ai nuovi
fenomeni estetici, stimolando l’interesse nei confronti della light art.
Sempre presso la Casa della Cultura di Villa de Sanctis, per gli amatori e gli esperti del settore, sarà
possibile partecipare agli incontri e workshop sulle più recenti tecnologie digitali legate alla cultura
della luce, grazie alla partecipazione attiva di partner, artisti, docenti ed esperti del settore: Gisella
Gellini, Carlo Infante, Anna Maria Monteverdi, Marco Frascarolo, Paola Lagonigro, Simona Noera
e Maria Saggese.

RGB ha vinto il bando “Contemporaneamente Roma – Autunno 2018” indetto dal Roma Capitale,
dedicato alla produzione culturale contemporanea; la restante parte dell’esposizione è stata
finanziata grazie alla campagna crowdfunding lanciata sulla piattaforma Eppela e parzialmente
finanziata da Nastro Azzurro Crowd. Sponsor tecnici: ArtSound81, Power Truck e MABJ audio,
video group. Partner: gruppo Avana S.p.a proprietaria del nuovo Centro Culturale Spazio Impero,
centro di arti performative e più in generale un nuovo polo di aggregazione, cultura e socialità e
dell’Arena Aurora, l’ex arena cinematografica di Torpignattara. Collaborazioni: Lazio Innova –
FabLab Lazio; Emblematic team statunitense specializzato in realtà virtuale; Urban Experience,
associazione di promozione sociale e culturale della città con sede nel Municipio V Roma; Sync
associazione culturale nata a Tor Pignattara per promuovere l’ascolto consapevole e la
valorizzazione del media radio sul territorio; SonoFrankie, associazione di promozione culturale;
associazione culturale La Cattiva Strada (Teatro Studio Uno), associazione attiva nel mondo dello
spettacolo dal vivo; Chirale S.r.l. promotrice della rete FabLab Roma, laboratori sulle discipline
STEAM (Science, Technology Engineering Art and Mathematics) indirizzati a bambini; Alice nel
Paese della Marranella associazione culturale; Ristorante Cocotte.
RGB Light Experience è ideato e realizzato da Luci Ombre, società specializzata in eventi culturali,
grazie alla passione e competenza di un team composto da: Diego Labonia per la direzione artistica
e progettazione; Sara Lamanna alla produzione e amministrazione; Federica Amendola, con la
collaborazione di Federica Iannaccone e Giulia Formicola, per l’organizzazione e logistica; Sabrina
Zorzan alla promozione e comunicazione; Giovanna Badami e Giulia De Rosa per la grafica e web
design; Aron Greco per video e foto; al coordinamento tecnico audio-luci Matteo Rubagotti, a
quello video Simone Palma e per la cura degli allestimenti artistici Claudio Petrucci.

Info e contatti:
Sito: www.rgblightfest.com
Facebook: www.facebook.com/rgblightexperience
Instagram: www.instagram.com/rgblightexperience
Twitter: www.twitter.com/rgblightfest
Flickr: www.flickr.com/photos/rgblightexperience

Diego Labonia – mob: +393381182870; mail: diego@luciombreventi.com
Sara Lamanna – mob: +393294922413; mail: sara@luciombreventi.com

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *