Gli scienziati delle Hawaii hanno trovato la reliquia del Big Bang

di Lara Ferrara

Gli astronomi hawaiani hanno scoperto una nuvola di gas solitaria nelle profondità dello spazio che molto probabilmente è rimasta invariata dal Big Bang.
La scoperta di questo “fossile” straordinario fornisce informazioni su come si siano formate le prime galassie nell’universo.
Secondo i ricercatori dell’Osservatorio Keck delle Hawaii, è la terza importante reliquia del Big Bang mai vista nel cosmo. Subito dopo il Big Bang c’erano solo idrogeno ed elio nello spazio, tutti gli altri elementi chimici sono stati prima cotti dalla fusione stellare e gettati nello spazio quando sono esplosi.

“Ovunque volgiamo lo sguardo, il gas nell’universo è contaminata da elementi pesanti, prodotti di scarto di stelle che esplodono,” spiega Frédéric Robert dalla Swinburne University in Australia Hawthorn in un comunicato dall’Osservatorio. “Ma quella particolare nuvola sembra intatta, non inquinata dalle stelle.

I ricercatori hanno esaminato la luce di galassie ancora più distanti e luminose, i cosiddetti quasar che trasparono da dietro questa originale nube di gas, consentono un’analisi della composizione chimica: alcune molecole e alcuni elementi in particolare inghiottiscono la luce di specifiche lunghezze d’onda.

“Se ha elementi pesanti, deve essere inferiore a un decimillesimo della sua quota al sole”, affermano i ricercatori. “Questo è estremamente piccolo, la spiegazione più convincente è che sia una vera reliquia del big bang”.

Questa nuova scoperta, d’altra parte, è il risultato di una ricerca mirata. Il cielo è ora sistematicamente proiettato per questi fossili dal Big Bang e questo ci dirà quanto sono rari e ci aiutino a capire come alcuni gas nell’universo primordiale abbiano formato stelle e galassie.

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.