Un dolce abbraccio tra un gorilla e l’uomo che le ha salvato la vita – Foto vincitrice del premio People’s Choice del Wildlife Photographer of the Year

image_pdfimage_print

di Lara Ferrara

La foto del dolce abbraccio tra un gorilla e l’uomo che le ha salvato la vita è stata la scelta della gente per come vincitore del premio People’s Choice del Wildlife Photographer of the Year.

La fotografa, Jo-Anne McArthur, ha scattato la foto toccante in Camerun. Pikin, il nome del gorilla salvato, era stato spostato tra i santuari animali dal suo guardiano, Appolinaire Ndohoudou.
Salvato dopo essere stato catturato dai bracconieri che volevano venderlo poi come carne di animale selvatico, terribile… È stato salvato all’ultimo minuto da Ape Action Africa.

Purtroppo, il bracconaggio per la carne di animali selvatici è una pratica comune in Camerun e in altre zone dell’Africa e continua a minacciare i gorilla in pericolo di estinzione.

I loro cuccioli sono spesso lasciati morire dopo che le loro madri sono state uccise o vendute come animali domestici nel commercio illegale di animali selvatici.

Nella foto catturata da McArthur, Pikin stava per essere trasferito in un santuario della foresta e si sveglia all’improvviso dalla sedazione tra le braccia di Appolinaire. I due condividono un forte legame. Appolinaire è un rifugiato come Pikin, dopo essere stato costretto a fuggire dalla sua casa in Ciad a causa della guerra civile.

McArthur afferma: “Sono così grato che questa immagine sia stata in risonanza con le persone e spero che possa ispirare tutti noi a preoccuparsi un po ‘di più degli animali. Nessun atto di compassione nei loro confronti è mai troppo piccolo. Documento regolarmente le crudeltà che gli animali sopportano nelle nostre mani, ma a volte porto testimonianza di storie di salvataggio, speranza e redenzione. ”

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.