Testimoni dei Testimoni. Ricordare e raccontare Auschwitz – Dal 26 gennaio al 31 marzo 2019 Palazzo delle Esposizioni , Roma

image_pdfimage_print

Mostra promossa da Roma Capitale ,Assessorato alla Crescita culturale, Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità Solidale,Azienda Speciale Palaexpo.

In collaborazione con Comunità Ebraica di Roma e Assessorato alla Cultura e Archivio Storico, Assessorato alle Scuole
con la collaborazione scientifica di Archivio Storico “Giancarlo Spizzichino” della Comunità Ebraica di Roma CDEC | Fondazione Centro di Documentazione ebraica contemporanea Silvia Marinozzi, La Sapienza Università di Roma.

A seguito di un viaggio della memoria ad Auschwitz, epicentro della Shoah che ha scosso il Novecento, un gruppo di studenti e di studentesse di alcuni licei romani ha iniziato a immaginare un modo diverso di ricordare quei terribili avvenimenti.

Dall’incontro di questi ragazzi e di queste ragazze con Studio Azzurro – collettivo di artisti italiani attivo nel campo della videoarte e dei nuovi media – è nata Testimoni dei Testimoni. Ricordare e raccontare Auschwitz, la prima mostra esperienziale ideata da studenti in uno spazio istituzionale della Capitale, da vivere come un invito a compiere un percorso fisico e mentale per mantenere accesa la memoria della storia. La riflessione e l’urgenza attorno a cui ruota il progetto espositivo nascono dalla consapevolezza di essere l’ultima generazione che ha la possibilità di un incontro diretto con i Testimoni, i sopravvisuti ai campi di concentramento, e dalla necessità di continuare a far intrecciare questo patrimonio di memoria con i linguaggi e le sfide poste dalla contemporaneità.

Il percorso della mostra ci guida in questa esperienza, creando un legame tra i Testimoni e le generazioni future. Attraverso la poetica che distingue internazionalmente il lavoro di Studio Azzurro, l’esposizione crea una narrazione esperienziale rivolta alla fruizione collettiva e al coinvolgimento emotivo del pubblico, con una serie di tappe richiedono in alcuni casi la sua attiva partecipazione.

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.