Il movimento indigeno chiede un sostegno internazionale per prevenire il genocidio in Brasile

image_pdfimage_print

Il movimento indigeno richiede un sostegno internazionale per prevenire il genocidio in Brasile

Le donne indigene protestano fuori dal ministero dell’Agricoltura a Brasilia, in Brasile.
La popolazione indigena del Brasile ha lanciato un appello urgente alla solidarietà internazionale per evitare il genocidio e cercare di far valere i propri diritti sociali e culturali.

I leader della comunità hanno avvertito che i razzisti di estrema destra hanno intensificato gli attacchi contro i gruppi indigeni a seguito dell’elezione del presidente Jair Bolsonaro.
Bolsonaro ha affermato che il Movimento dei lavoratori senza terra del Brasile e altre organizzazioni per i diritti delle minoranze sono “terroristi”.

Almeno 11 gruppi indigeni hanno chiesto garanzie al governo brasiliano per i loro diritti economici, sociali e culturali nello stato del Midwest del Mato Grosso do Sul.

Ci hanno avvertito che le autorità hanno cercato di cacciarli dalle loro terre per far spazio alle grandi imprese che voglio sfruttare le loro risorse.

Le popolazioni indigene del Brasile hanno indetto una campagna di dimostrazioni a livello nazionale, sotto lo stendardo Red January, Indigenous Blood, contro l’iniziativa di demarcazione del territorio di Bolsonaro.

Il leader indigeno Daiara Tukano ha spiegato con una lettera aperta che ha esortato la comunità internazionale a sostenere coloro che sono minacciati dall’assalto del razzismo e del neoliberismo, temendo per il loro futuro sotto il regime di estrema destra.

Parlando in un videomessaggio ha detto:

“Sto mandando questo messaggio ai miei amici nei movimenti sociali, movimento senza terra, movimenti per i diritti umani. In questo momento stiamo affrontando un momento difficile.
Come nei vecchi tempi della dittatura, l’amministrazione [di Bolsonaro] ha inviato i militari, la politica federale, la polizia di frontiera, la polizia nazionale, che agiscono tutti da miliziani. Loro cercano il genocidio delle popolazioni indigene, cosa che favorirã i proprietari terrieri e agribusiness “.

I gruppi indigeni hanno esortato la comunità internazionale a sostenerli diffondendo,immagini, video e parole.

Potrebbe essere prossimo un vero e proprio massacro degli innocenti. Non chiudiamo gli occhi e soprattutto il cuore.

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.