Itali@Magazine presenta “Il Colpo” di Raffaele Manco

image_pdfimage_print

Di Maria Rosaria De Simone

Aprire un giornale ogni mattina e conoscere cosa accade nel mondo. Scorrere un magazine on line e dare uno sguardo che va più in là. E poi una telefonata ad un amico, un avviso in ufficio.

“Il Colpo” di Raffaele Manco

Gesti normali, di ordinaria consuetudine, che appartengono solo all’uomo moderno e che hanno modificato il corso della sua storia. Da quando un giovane italiano, con la passione della Fisica, Guglielmo Marconi, inseguì le sue intuizioni con tenacia, ed arrivò a costruire la prima telegrafia senza fili. Fu nel 1898 che un giornale pubblicò il primo servizio di cronaca con l’esito delle regate di Dublino, perchè immediatamente avvisato con il telegrafo senza fili. Fu nel 1910 che i passeggeri di un piroscafo in navigazione sull’Atlantico poterono ascoltare la voce del tenore Enrico Caruso, che cantava in un teatro di New York. Nel 1931 che si inaugurò la stazione radio del Vaticano, il primo impianto capace di trasmettere in tutto il mondo e con il quale il Papa Pio XI impartì la benedizione apostolica che giunse ovunque. Marconi, lo scienziato che amò profondamente la sua patria, che no si fermò di fronte al rifiuto del governo italiano a finanziargli il progetto per la ricerca, nonostante fosse giunto a realizzare il telegrafo senza fili grazie ai finanziamenti del governo inglese, riservò comunque alla sua patria la facoltà di usare il suo brevetto senza pagane i diritti.

Ebbene, a Guglielmo Marconi il regista Raffaele Manco dedica “Il colpo”, un corto che ricorda l’esperimento del 1895 di Marconi nelle terre bolognesi della sua famiglia salutato da un colpo di fucile con cui un suo amicolo avvisava della riuscita dell’eperimento steso.

Itali@magazine presenterà l’evento che si terrà nella prestigiosa Aula Marconi del CNR a Roma il 21 gennaio, alle ore 16.30, al quale parteciperanno insigni ed autorevoli ospiti del mondo culturale e che avrà come ospite d’onore la principessa Elettra Marconi.

L’ingresso è libero. Un’ottima occasione per una crescita culturale personale e per ricordare un grande uomo ed un illustre scienziato.

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *