“Ego Marcus Paulo volo et ordino” – A Palazzo Madama di Torino, il prossimo 14 giugno, verrà presentato il testamento di Marco Polo

Lara Ferrara

Il prossimo 14 giugno, verrà presentato il testamento di Marco Polo, che in seguito sarà esposto al pubblico al Museo d’Arte Orientale in occasione della mostra “Marco Polo segreto”.

Un appuntamento di particolare interesse per la speciale attualità di Marco Polo e la sua straordinaria eredità storica come modello di intelligenza diplomatica, promotore del dialogo interculturale e uomo di pace.

Sono stati per la prima volta illustrati al pubblico i risultati dello studio paleografico e dell’edizione diplomatica del testo del Testamento di Marco Polo, a cura del Prof. Attilio Bartoli Langeli.
L’Istituto Confucio di Venezia, operante all’interno dell’Università degli Studi di Ca’ Foscari – Venezia, ha voluto così esprimere il suo plauso per questa iniziativa di grande attualità e di importante valore simbolico anche per la Cina e dare il proprio contributo al Progetto di Scrinium e della Biblioteca Nazionale Marciana, appoggiando con entusiasmo anche la proposta di una futura edizione cinese/inglese dell’opera.

Quindi è stato ufficialmente dichiarato autentico dopo lunghe ed approfondite indagini paleografiche ed interventi di restauro. Il documento appartiene al vasto patrimonio della Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia e costituisce oggi l’ultima e rara testimonianza superstite della vicenda di Marco Polo.

La Biblioteca Nazionale Marciana, co-editrice insieme a Scrinium e responsabile scientifica del Progetto Ego Marcus Paulo volo et ordino – I segreti del testamento di Marco Polo, ha avviato e diretto le operazioni di analisi chimico-fisica sull’antico e fragile documento.

A conclusione delle operazioni di analisi materiale, Scrinium ha curato le fasi di rilievo e di ripresa in alta definizione che hanno consentito di ottenere una riproduzione scientificamente perfetta del reperto storico. Un team di studiosi e ricercatori di fama internazionale, selezionati e coordinati dalla curatrice d.ssa Tiziana Plebani, ha prodotto i saggi inediti contenuti nel prezioso ed elegante volume, in edizione bilingue italiano/inglese, che accompagna il facsimile dell’antica pergamena. Per offrire una prospettiva cinese sul tema, l’Istituto Confucio di Venezia ha fornito una preziosa consulenza specialistica che ha portato alla pubblicazione e alla traduzione dal cinese dell’eccellente contributo del Prof. Zhang Xiping. L’opera, proposta in una tiratura mondiale limitata a pochi esemplari numerati e certificati, ha il pregio di offrire la prima edizione diplomatica corretta e completa del testamento, portando così un fondamentale contributo alla conoscenza, all’interpretazione e alla giusta valorizzazione di questo raro ed esclusivo documento storico.