Un verbo può trasformarsi in un’opera d’arte – La genialità di Ivàn Argote

image_pdfimage_print

di Lara Ferrara

Nato a Bogotà, in Colombia, nel 1983, Iván Argote si è stabilisce a Parigi nel 2006. Creatore di video, fotografie, sculture, interventi pubblici e spettacoli, Argote ha un modo di esplorare i nostri inestricabili legami con la storia, la tradizione, l’arte, la politica e il potere.

La sua una curiosità artistica che indaga la città,luogo di trasformazione e di potenzialità, sfiorando il mondo alla ricerca di segni rudimentali di potere caduto, studiando le manifestazioni indirette del controllo e osservando le convenzioni che ottengono l’accettazione.
I monumenti pubblici e la scultura sono temi ricorrenti nel lavoro dell’artista. Attraverso le sue narrazioni personali e le loro connessioni con la storia, l’ideologia e il consumismo, Iván Argote mette in discussione la prospettiva occidentale della Storia.
Il centro del lavoro di Argote è l’indagine sulla città come luogo di trasformazione. Il suo è un viaggio per il mondo alla ricerca di segni rudimentali di potere caduto, studiando le manifestazioni indirette del controllo e osservando l’utilizzo di alcune convenzioni affinché una particolare visione della storia ne diventi la versione ufficiale.

In questo modo, le opere dialogano tra loro attraverso allusioni a elementi ripetuti. Le fontane, le piazze e le città sono riunite nello spazio attraverso tre sculture lunghe sei metri ciascuna, disposte nella stanza e intitolate Cosa unisce, cosa separa, cosa confronta , generando un campanello d’allarme il viaggio

In uno dei suoi “parti” creativi “La Plaza del Chafleo”, Argote ci introduce il narratore mentre mostra immagini del Camerun, una repubblica dell’Africa centrale, e fa riferimento al suo passato coloniale, prima nelle mani dei portoghesi e poi dei tedeschi. Vediamo un uomo che attinge acqua con un secchio ad un pozzo: “È un’isola”, ci descrive il narratore. Una successione di immagini di azioni girate a Buenos Aires, Bogotà e Parigi fa da sfondo a una voce fuori campo che continua a discernere sui possibili significati del chafle.
Quindi, il gioco di luci viene ripetuto e inizia la terza e ultima parte del film. Queste scene ci mettono di nuovo a Buenos Aires alla “Fuente de la Poesía” situata in Plaza Mitre, che era stata praticamente abbandonata per otto anni, vuota e senza acqua. Di fronte a questo simbolismo pubblico, Argote ha proposto un intervento artistico per riempire e filmare il processo, basato su quindicimila litri d’acqua.

Animare una piazza come scenario discorsivo per esplorare le relazioni dello spazio pubblico e delle persone, un atto politico. Ma Argote non lo fa pensando alle divisioni, al contrario. I riferimenti a diversi paesi sono uniti in uno, così come la figura di adulti e bambini, così come i conti gli ufficiali e gli emarginati. Ed è proprio in questa critica delle opposizioni che la tesi proposta dall’artista risiede: combattere le polarità sociali attraverso l’incorporazione della tenerezza.

A questo proposito, l’artista spiega: “La tenerezza di cui parlo è una strategia globale per affrontare i problemi e discutere dei problemi. Nella ricerca artistica vengono fatte domande e critiche sui modi in cui pensiamo e sentiamo il mondo (spazio, tempo, vita in comune, storia, scienza, sentimenti, idee). Ciò per cui possiamo maggiormente contribuire da questo nucleo (arte, letteratura, musica, arti viventi e altro) è proporre prospettive dissidenti e divergenti, diverse dalle altre che sono state stabilite con autorità e arbitrio attraverso la storia “.

La tenerezza come uno degli strumenti alternativi per ripensare le regole prestabilite di comportamento. Un modo dolce ma ribelle, il pianto di un bambino, lo schiocco delle dita, un abbraccio…Tenerezza

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.