LE SCULTURE DI GERALD MORODER – Un “sottile” che colma l’anima – di Lara Ferrara