Torna nel 2021 “Donne nell’arte – Da Tiziano a Boldini”

Ritornerà nel 2021 l’esposizione, improvvisamente chiusa a causa dell’emergenza virus, con novanta capolavori che testimoniano come la donna abbia rivestito un ruolo di primo piano, nella storia dell’arte italiana, dagli albori del rinascimento alla belle époque.

I capolavori di Tiziano, Guercino, Pitocchetto, Appiani, Hayez, Corcos, Zandomeneghi e Boldini e di molti altri autori stanno per lasciare Palazzo Martinengo a Brescia.Il loro non è un addio, ma solo un arrivederci perché l’Associazione Amici di Palazzo Martinengo, in accordo con la provincia di Brescia e la Fondazione Provincia di Brescia Eventi, ha deciso di riproporre la mostra “DONNE NELL’ARTE. Da Tiziano a Boldini”, curata da Davide Dotti, nel 2021 e concedere la possibilità a tutti, in particolare ai gruppi e alle scolaresche, che già avevano prenotato la loro visita, di apprezzare quanto l’universo femminile abbia giocato un ruolo determinante nella storia dell’arte italiana.

L’esposizione, inaugurata lo scorso diciotto gennaio prima dello stop a causa, stava riscuotendo un ottimo riscontro di critica con un pubblico di oltre 22.000 visitatori in poco più di un mese di apertura,tornerà quindi con un percorso espositivo, suddiviso in otto sezioni tematiche: Sante ed eroine bibliche; Mitologia in rosa e storia antica; Ritratti di donne; Natura morta al femminile; Maternità; Lavoro; Vita quotidiana; Nudo e sensualità che documenta il rapporto tra l’arte e il mondo femminile per evidenziare quanto la donna sia da sempre il centro dell’universo artistico.

“L’arte non si ferma mai, nemmeno davanti ai più gravi avvenimenti – afferma Roberta Bellino, presidente dell’Associazione Amici di Palazzo Martinengo – Ispirandoci alla forza delle donne e delle eroine ritratte nei capolavori che componevano il percorso espositivo, abbiamo deciso, di comune accordo con la Provincia di Brescia e la Fondazione Provincia di Brescia Eventi di riproporre la stessa mostra, ma solo spostata di un anno. Questo perché, una iniziativa culturale di così grande valore e spessore merita di essere vista da un maggiore pubblico possibile di appassionati e perché vogliamo premiare la fiducia di tutti i gruppi e delle scolaresche che avevano già prenotato la loro visita a Palazzo Martinengo”.

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.