Se la musica live diventasse un’esperienza di concerto “al cubo”?

COVIDesignJam,il futuro disegnato dai progettisti italiani.
Lo smart working potrebbe ripopolare i borghi tramite i progetti e le idee di oltre cinquanta progettisti italiani che hanno tracciato nuove linee concrete di quotidianità con cinque aree tematiche, venti mentori, dieci ispiratori.

Un team di progettisti italiani alle prese con la difficile proiezione degli scenari futuri. A ideare l’incontro due riconosciute eccellenze nazionali: Nois3 e Digital Entity.
La musica live potrebbe divenire un’esperienza di concerto “al cubo” da vivere senza assembramenti ma al tempo stesso in maniera fisica, sociale, condivisa e immersiva.

I designer di questo progetto hanno dato quindi vita ad una vera e propria jam session di persone che si sono ritrovate con il medesimo scopo: riprogettare la quotidianità trasformando il lugubre leitmotiv del social distancing con connessioni sociali ed empatia tra le persone.

Insomma un nuovo Calm Tourism sostenibile fatto di concerti progettati e trasformati in esperienze sociali e condivise mantenendo la distanza e sfruttando al massimo gli spazi e i luoghi dislocati. Grandi spazi prenotabili per ogni quartiere, puliti e a km zero interamente dedicati allo sviluppo del territorio.

Idee, futuri e progetti sono stati riassunti in un manifesto programmatico tutto da scoprire e scaricabile da qui: www.covidesignjam.it

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.