Lo scioglimento dei ghiacciai riporta alla luce un sito vichingo perduto

Lo scioglimento dei ghiacciai che sta avvenendo in molti paesi scandinavi, ha riportato alla luce un passo di montagna vichingo antichissimo.

Tutto inizia quando il caldo sole dell’estate scioglie il ghiacciaio di Lendbreen, sulla dorsale montuosa di Lomseggen nel Parco Nazionale di Breheimen, in Norvegia, a circa duecento miglia da Oslo.

Da allora, gli archeologi hanno scoperto un ex passo di montagna utilizzato durante l’era vichinga come percorso per le persone che viaggiano tra le valli.

Alcuni dei reperti ritrovati nel passaggio sono stati datati 4000 a.C. e includono spade vichinghe, vestiti, teschi di cavallo. Addirittura una scarpa di tremila quattrocento anni fa realizzata in pelle di animale non conciata, punte di freccia con aste di legno e una grande quantità di sterco di cavallo.

Il dott. Lars Holger Pilø, direttore del Glacier Archaeology Program presso il consiglio della contea di Oppland in Norvegia, ha iniziato lo studio del sito dopo il ritrovamento di una tunica dell’età del ferro.

Nel corso dei rilevamenti sono stati scoperti più di mille oggetti, ma solo una sessantina sono stati datati al carbonio.

Potrebbe essere stato sepolto dal ghiaccio durante un’altra piccola era glaciale, forse causata dall’eruzione del Monte Hekla, nel sud dell’Islanda, nel 1159 a.C., paragonabile all’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.