Cosa sono i fondi Sure? Dall’Europa 27,4 miliardi all’Italia

Dalle ultime notizie, la commissione europea ha provveduto a presentare le proposte al consiglio Ue per l’attivazione Sure ovvero l’aiuto Ue finanziario pari a 81,4 miliardi di euro per i 15 paesi che ne fanno parte, tra cui l’Italia, con l’obiettivo di mantenere i livelli di occupazione.

Aiuti che potranno essere erogati sotto forma di prestiti con interessi agevolati.
Per la Sure Italia sono previsti 27,4 miliardi di euro, la quota più alta. Tra i 15 Stati membri che accedono agli aiuto ci sono anche la Spagna (21,3 mld) ed il Belgio (7,8 mld).

“Oggi la Commissione Ue propone il primo pacchetto di 81 miliardi per Sure, il sostegno ai meccanismi tipo cassa integrazione. Destinatari 15 Paesi, 27 miliardi per l’Italia. L’Europa per il lavoro”, a dirlo il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni.

La Commissione europea quindi
lavorerà alla messa a punto di una proposta di Recovery fund (Fondo per la ripresa) alimentato dall’emissione di obbligazioni comuni.
Si tratta di un pacchetto aiuti da 1.000 miliardi di euro, un pacchetto di dimensioni senza precedenti per sostenere il sistema sanitario, la cassa integrazione, la liquidità alle imprese e per evitare una divergenza tra le economie più colpite dal virus.
Insieme al Sure, il Consiglio Europeo ha approvato anche su Mes e BEI e quindi Recovery Fund mentre il discorso eurobond è ancora in discussione.

Che cos’è lo Sure e come funziona?

Lo Sure è uno strumento contro la disoccupazione garantito da tutti gli Stati membri, che serve a salvaguardare l’occupazione in Paesi come Italia e Spagna, tra i più colpiti dal coronavirus.

Con lo Sure si introduce il concetto di short-time work (lavoro ridotto, ndr) che permetterà alle persone di mantenere la propria occupazione, alle aziende di sopravvivere in mancanza di domanda e di ripartire con più forza quando la crisi sarà finita.
L’idea è quella di un fondo europeo a sostegno di strumenti tipo cassa integrazione per difendere il lavoro nei Paesi più colpiti e che dovrebbe mobilitare risorse fino a 100 miliardi di euro. Risorse garantite da tutti gli Stati membri.

Lo Sure è quindi uno strumento di sostegno all’economia garantito da tutti gli Stati membri, che serve a tutelare l’occupazione in Paesi come Italia e Spagna, tra i più colpiti dall’emergenza coronavirus.
Ricordiamoci che a causa del corona virus milioni di persone non possono più andare al lavoro, ma devono ancora comprare generi alimentari e pagare le bollette e le aziende pagano gli stipendi ai loro dipendenti, anche se in questo momento, non guadagnano. L’Europa sarà capace di venirci a sostegno?
È quello che si spera con questa nuova iniziativa, che si chiama Sure, tradotto letteralmente, “sicuro”.

Migliaia di aziende forti e sane che stanno lottando a causa dell’attuale crisi, hanno bisogno di un supporto efficace per superare la crisi e all’Italia dovrebbe essere riservata la quota maggiore, 27,4 miliardi, seguita dalla Spagna (21,3) e dal Belgio (7,8).

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.