Trieste Film festival

Scozia, ritrovate in una scatola di sigari reliquie dell’antico Egitto di 5000 anni fa

Scoperto un manufatto egiziano di 5000 anni fa in una scatola di sigari in Scozia.
Scoperta a dir poco sorprendente è quella avvenuta ad Aberdeen, dove è venuta alla luce una reliquia databile tra il 3341 e il 3094 a.C.,ovvero molto prima della costruzione della Grande Piramide di Giza.
In una scatola di sigari negli archivi dell’università scozzese di Aberdeen è stato rinvenuta una delle tre “reliquie di Dixon” scoperta nel 1872 e della quale non si sapeva nulla da 70 anni

Autore della scoperta un dipendente di un’università scozzese che ha notato la particolare reliquia nascosta tra gli archivi dell’istituto. Abeer Eladany il suo nome, assistente curatoriale, ha trovato il frammento di legno all’interno di una scatola di sigari decorata con una bandiera egiziana mentre esaminava la sezione asiatica degli archivi dell’università di Aberdeen.

“Dopo aver esaminato i numeri dei nostri registri dell’Egitto ho subito capito di cosa si trattava e che era stato effettivamente inserito nella raccolta sbagliata” ha spiegato l’esperto che arriva dall’Egitto dove come archeologo ha lavorato ad alcuni scavi. “Mai avrei immaginato di poter trovare un reperto così importante per il patrimonio del mio Paese qui nel nord est della Scozia”.

La storia vuole che il pezzo di cedro di 12,7 centimetri sia uno dei tre oggetti scoperti in passato all’interno della Camera della Regina nella Grande Piramide di Giza nel 1872, insieme ad una palla e ad un gancio di bronzo (noti come reliquie di Dixon) e perdute da tempo. Gli altri due oggetti invece sono conservati al British Museum di Londra. Il frammento venne trovato dall’ingegnere Waynman Dixon che lo cedette al dottor James Grant, il quale si recò in Egitto per curare il colera a metà degli anni ’60. L’oggetto potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della piramide ed è stato donato all’università come risulta dai documenti. Tuttavia non era mai stato classificato e per oltre 70 anni nessuno ne ha più saputo niente. Oggi spezzato in più parti il frammento risalirebbe ad almeno mezzo secolo prima della data del presunto completamento della Grande Piramide.

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.