Il nuovo lusso: il matrimonio eco-chic

image_pdfimage_print

Di Stefania Taruffi

Alessandra Puglisi

Si è svolto ieri nella splendida cornice dell’Hotel Intercontinental de La Ville di Roma, Eco Chic- Wedding, l’evento ideato e prodotto da Alessandra Puglisi, presidente di Dionisia Events, iscritta all’Associazione Italiana Wedding Planners, la wedding planner del ‘sì’ glamour che rispetta l’ambiente. L’allestimento, dedicato al matrimonio ecologico che non rinuncia al glamour,  propone soluzioni in linea con la nuova filosofia “slow”, eco-compatibile e nasce per offrire una risposta concreta alle migliaia di contatti ricevuti in pochissimi giorni dopo l’apertura del suo blog (www.dionisiaevents.com) dedicato al matrimonio politically correct, all’insegna della sostenibilità ambientale, senza rinunciare a dettagli ricercati. Fibra di mais per l’abito bianco, carta riciclata per inviti e partecipazioni, design di re-use per il banchetto, persino fedi in oro riciclato e diamanti no-conflict (non provenienti da zone di guerra), riduzione di consumo e inquinamento per l’Eco-Chic-Wedding, il matrimonio ecologico che è, soprattutto, il lusso di trattarsi bene, di scegliere materiali naturali, di valorizzare le creazioni artistiche artigianali realizzate in esclusiva per gli sposi, di godere del buon cibo. Tale scelta consente, inoltre, di limitare i costi del ricevimento, la voce che incide più delle altre sul budget del grande giorno. La sposa eco-chic può avere un abito vintage, che oltre ad avere un grande fascino è di gran moda; oppure un capo realizzato sartorialmente con tessuti naturali e finiture esclusive per un look che spazia del classico al contemporaneo. Il make up si realizza con prodotti di bellezza organici ed esclusivi.

Nel corso del cocktail di presentazione – che ha visto come main partners Mana Beutyroom e Il Pisello Odoroso Flower Art & Design – la Puglisi ha voluto spiegare questa nuova propensione dei futuri sposi a scegliere di celebrare le nozze con una cerimonia bon ton, utilizzando allestimenti autentici, sofisticati, di altissimo design, dove l’eleganza si esprime con caratteristiche eco-friendly e un pizzico di divertita originalità. Una filosofia che ha conquistato l’haute couture che volge lo sguardo al mondo dell’eco-chic o eco-lusso. Lo stesso mercato del lusso prende le distanze dalla cultura del consumo di prodotti artificiali trovando nel ritorno alla Natura la principale fonte d’ispirazione. “Il fenomeno non si limita soltanto alla moda” – spiega Alessandra Puglisi – “ma contagia tutti i settori, dalla cosmesi al design, dalle automobili al gusto. Il boom della tendenza ecologista nata in America e approdata in Italia qualche anno fa’, sinonimo di sobrietà e semplicità, è ora reinterpretato in chiave glamour per chi vuole essere rispettoso dell’ambiente senza rinunciare all’eleganza. Un matrimonio che concilia l’attenzione per l’ambiente e i dettagli fashion, alla scoperta delle eccellenze creative e delle espressioni di altissima artigianalità del Made in Italy”.

 “Genuinità e naturalezza sono d’obbligo anche sulla tavola nuziale” – ribadisce la wedding planner – “Il menù si basa su prodotti del territorio biologici e stagionali preparati secondo i dettami dello slow food e interpretati in modo creativo puntando su unicità e freschezza assoluta. Le bomboniere sono create rigorosamente da artigiani e con prodotti naturali. I cadeau de mariage tradizionali sono sempre più fuori moda: la nuova proposta è di donare un bulbo di fiore da travasare o una pianta che l’invitato potrà tenere in giardino. Un bel ricordo che vive e produce ossigeno”.


La scenografia è a cura di Il Pisello Odoroso Flower Art & Design. Una scenografia floreale di forte suggestione creata da Giancarlo Mastinelli che con libertà e virtuosismo tecnico mescola fiori, gli eco-bijoux by Ludo, elementi naturali e materiali di riciclo per inedite creazioni di design. Addobbi floreali con fiori locali come le peonie, le violette o le rose, magari provenienti da coltivazioni biologiche. Tocco di classe può essere l’utilizzo nell’intero allestimento di prodotti naturali o oggetti vintage reinterpretati, come cristalli, vasi di vetro e cornici di diverse forme e dimensioni. Per il ricevimento si può scegliere un luogo esclusivo ma non lontano dalla chiesa, evitando agli ospiti lunghi e scomodi spostamenti tra un luogo e l’altro. Originali location il tram-ristorante d’epoca o il veliero che può ospitare fino a 150 persone. Molto in voga è anche il wedding pic-nic da allestire in un parco con varie postazioni impreziosite da piccole composizioni floreali in stile shabby-chic, tableau e un cestino contenente pietanze preparate rigorosamente con cibi biologici. Per i più estrosi, c’è la possibilità di sposarsi sorvolando Roma in mongolfiera, o addirittura di utilizzarla in sostituzione della macchina per arrivare nel luogo della cerimonia.

Il matrimonio eco-chic è alla portata di tutti, basta organizzarlo con cura e i giusti accorgimenti per risparmiare sul budget. Una serata esclusiva che oltre ai suggerimenti per un matrimonio eco-chic ha offerto anche un concerto Jazz e  un percorso sensoriale con l’allestimento di un Bar à parfums.

Stefania Taruffi

Stefania Taruffi

Laureata in Lingue, co-fondatrice di Itali@Magazine. "Fare cultura" è la sua passione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *