“M’illumino di meno 2011”, spegne la luce e accende il tricolore

image_pdfimage_print
Di Marco Milano

Mi illumino di meno avrà quest’anno un occhio di riguardo in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. La giornata dedicata al risparmio energetico, lanciata dalla trasmissione radiofonica ‘Caterpillar’, è fissata per il prossimo 18 febbraio. Ideata e organizzata a partire dal 2005, l’iniziativa di promozione ecologica viene proposta ogni anno in concomitanza con l’anniversario dell’entrata in vigore del protocollo di Kyoto – il 16 febbraio. L’invito a limitare il più possibile i consumi elettriciarriva dai microfoni di Radio2, per voce di Massimo Cirri e Filippo Solibello, registrando un riconoscimento autorevole dal Parlamento Europeo, nel 2008. Oltre al successo istituzionale, premio per il valore altamente simbolico dell’iniziativa, effetti tangibili si sono potuti verificare nei minuti subito successivi allo start delle giornate dedicate: Terna, società responsabile della trasmissione di energia elettrica in Italia, ha confermato un effettivo calo del fabbisogno istantaneo di energia. Spegni la luce e accendi il tricolore è lo slogan che accompagnerà l’edizione 2011. La coincidenza con le celebrazioni dell’Unità d’Italia darà forza all’immagine della giornata, per realizzare un’ideale comune. Il silenzio energetico di quest’anno, vorrà significare ‘uniti per l’energia pulita’, con valore duplice. Sarà proprio 150 anche il numero delle piazze italiane protagoniste, location per eventi collettivi aperti a tutti i cittadini sul territorio nazionale. La radio invita anche a proporre e ideare dei M’illumino Mob, privilegiando, ovviamente, luoghi aperti e pubblici. Le testimonianze da tutte le piazze verranno raccontate dai microfoni di Caterpillar. Interessanti sembrano già le adesioni del Comune di Napoli, il primo ad aver formalizzato la sua adesione, organizzando una serie di lezioni su temi d’ecologia per gli studenti delle scuole cittadine. O del Comune di Padova, che oltre a fare black out, allestirà un vero e proprio set fotografico a disposizione dei cittadini per immortalare con uno scatto la propria partecipazione.

L’appuntamento principale con i radioascoltatori è previsto dal Castello di Rivoli a Torino, da cui andrà in onda la diretta, dalle 17alle 19.30. Il Comitato Italia 150 e il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea contribuiranno con l’allestimento di un puzzle realizzato in plastica riciclata, raffigurante la penisola. Sindaci in rappresentanza di ogni regione penseranno a ‘riunificare’ il puzzle illuminato con una cornice bianca, rossa e verde. Quello che questa volta gli organizzatori chiedono ai partecipanti, è di trovare soluzioni creative per accendere luci tricolori, con qualsiasi fonte di energia pulita in luoghi visibili al pubblico. Un gesto che si aggiungerà alle previste interruzioni di pc, televisioni, ma anche dispositivi elettrici non indispensabili, all’organizzazione di serate a lume di candela da parte di gestori di bar e ristoranti, oltre che allo spegnimento delle luci di monumenti delle piazze principali. Con l’intenzione di tenere sempre alta l’allerta sulle potenzialità della green economy. Per vincere la sfida energetica, le tecnologie rinnovabili possono garantire già la presenza di apparecchiature sofisticate, per quanto riguarda eolico, fotovoltaico, idroelettrico e biomasse.

Le turbine, i led e le lanterne di Mi illumino di meno, serviranno a far luce, di nuovo, su quanto si può sfruttare un enorme, gratuito e sotto utilizzato giacimento di energia pulita: il risparmio.

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *