I giorni del gelsomino. Il réportage interiore della rivoluzione tunisina

image_pdfimage_print

di Federica Ricci

Ieri alla Camera “I giorni del gelsomino” un réportage interiore della rivoluzione tunisina e un atto di denuncia sulla disinformazione nazionale, di Ilaria Guidantoni, in vendita presso la Libreria Fahrenheit di Campo de’ Fiori.

Un tavolo di relatori ricco e importante, l’avv. Marcella Lucidi, Responsabile Immigrazione Fondazione ItalianiEuropei; l’on. Matteo Mecacci, Membro Italiano OSCE; l’on. Jean Léonard Touadi, Membro Commissione Giustizia Camera dei Deputati, che si confronterà sui vari aspetti legati alla rivoluzione tunisina in particolare, e sulle rivoluzioni in generale; sul problema della comunicazione e disinformazione locale ed internazionale. Cosa vuol dire guardare le vicende di un altro Paese lontano geograficamente, ma spesso vicino nel cuore? Che ruolo gioca l’informazione e la comunicazione?

L’informazione è un mezzo molto potente di costruzione della coscienza individuale e collettiva, scegliere cosa dire, cosa trasmettere e come è una scelta di potere, di costruzione del punto di vista. L’autrice de “I giorni del gelsomino” (I giorni del gelsomini. Lontano dagli occhi, vicino al cuore. p&i Edizioni Stampa i.m.a.g.e., 5 euro), Ilaria Guidantoni, giornalista che si interessa prevalentemente di politica economica, sottolinea la necessità di guardare i fatti con gli occhi di chi li vive: “dovremmo gestire l’informazione, guardare quello che accade con gli occhi di chi lo vive, e non interpretare a priori come per noi è più conveniente. E ancora guardare con gli occhi dei tunisini”.

Ilaria Guidantoni

Altri due sono gli aspetti al centro del dibattito, quello dell’immigrazione e quello della rivolta del pane che è rivolta del pensiero e non viceversa come è stato diffuso dai media internazionali. Come si possono gestire i tre diversi filoni dell’immigrazione? Chi ha perso il lavoro; gli ex uomini di governo e coloro che sono usciti dalle carceri per reati comuni. Come risponde a questa emergenza il nostro paese? Già all’interno del libro, scritto nei giorni di fuoco della rivoluzione, l’autrice ammoniva “Stiamo attenti” ed oggi cosa si propone? “La rivoluzione tunisina –precisa l’autrice– è stata una rivoluzione popolare e non intellettuale, nella quale la rivolta del pane è l’effetto della rivolta del pensiero. La crisi economica è stato solo il detonatore”.

Tanti i temi affrontati in questo istant book che permette immediatamente di entrare nello spirito del testo che nasce dal dibattito vorticoso in un circolo di amici e di affetti che hanno condiviso i giorni dell’angoscia ma si rivolge anche a coloro che si sono distratti e che non hanno capito. Temi che hanno a che fare con la vicenda tunisina ma che toccano e mettono in luce problemi di fondo legati all’atteggiamento della stampa, che spesso mette in luce per pochi istanti una vicenda per poi, subito dopo, lasciarla cadere nell’oblio del silenzio.

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *