‘Pirandello Drag’ al Teatro Nuovo Colosseo di Roma

image_pdfimage_print

L’Associazione Culturale “GLI APPRENDISTI INCANTATORI” presenta PIRANDELLO DRAG (da “La morteaddosso”) con Aldo Ferrara e Nino Spirlì adattamento di Nino Spirlì e Anne Riitta Ciccone. Regia Gioia Scola.

“Oggi la notte è fatta anche di altro”. Lo afferma Nino Spirlì attore e autore teatrale e televisivo che cura l’adattamento dello spettacolo”Pirandello Drag” – scritto in collaborazione con Anne Riitta Ciccone – che va in scena a Roma presso il Teatro Nuovo Colosseo di Via Capo d’Africa, 29 dal 12 al 17 aprile.

La piéce, diretta da Gioia Scola e prodotta dall’Associazione Culturale “Gli Apprendisti Incantatori” vede protagonisti Spirlì nei panni dellaDrag Queen Piaf Aldo Ferrara che interpreta la Drag Lolita per offrire al pubblico una rilettura della novella “La morte addosso” di Luigi Pirandello e scoprire che l’autore e drammaturgo italiano non abbia tralasciato proprio nulla nell’approfondire l’animo umano.

Gioie, dolori, ansietà tipiche del vivere una condizione personale “differente” sono avvertite con estrema intensità da Pirandello, uomo d’altri tempi, autore del dramma borghese nel quale convergono i temi dell’incomunicabilità e della relatività della realtà.

Si spengono le luci in un sordido locale ai bordi della vita notturna della città – il Pub Hysterika – dove due drag queen si esibiscono per esorcizzare il loro mal de vivre. Hanno, entrambe, terminato le loro esibizioni (“Milord” e “Moi, Lolita”) in quel locale animato dalle colleghe governate dalla maestra La Karl Du Pignè, che interpreta se stessa, quale divina “Matt’Attrice” nel video del concerto d’apertura. Le due drag queen, d’uscita dalla boite à nuit, desiderano allungare la notte e si confrontano sul tema dell’esistenza. Prende, subito, corpo un passionale incontro/scontro nella penombra di una lunga notte. Le due regine notturne de “La morte addosso”, infatti, raccontano un mondo che fugge la luce del giorno, in eterno desiderio di liberazione. La drag queen Lolita sa di essere condannata a morire a breve, poiché ammalata di epitelioma e medita sulla sua esistenza “convenzionale”, assillata dalla morte; sa che la fine è vicina e disquisisce su argomenti apparentemente insignificanti che assumono, parola dopo parola, valore e  collocazione “diversi”. Al contrario, Piaf, si dibatte in un’esistenza monotona e banale. Per lei il vivere quotidiano appare piatto e vuoto, al punto tale che il  dialogo finisce col diventare un monologo, quando Lolita  rivela il suo morbo.

“Non una rivendicazione di bandiera” – spiega Spirlì – “ma la volontà di riscoprire l’universalità dell’Omnia di Pirandello e consentire allo spettatore di avvicinarsi ad una nuova visione della sua opera. Oggi la notte è in grado di rivelare mondi nuovi ed esistenze inconcepibili un secolo fa’, senza per questo snaturare i protagonisti della Storia”.

Nino Spirlì

Attore e regista teatrale, autore televisivo, calca il palcoscenico per oltre vent’anni, interpreta i Classici e i Contemporanei. Dal 1989, una lunga collaborazione con lo storico Theatre du Campagnol di Parigi, diretto da Jean Claude Penchenat. Co-dirige di stages e mises en scene di opere di Goldoni e Pirandello con gli attori della Compagnia nota in tutto il mondo per “Le Bal” (Ballando Ballando). In Teatro riscutoe apprezzamento per la direzione di  “Ryojiu – Il Fucile da caccia”  e de  “L’Uomo dal fiore in bocca” in versione femminile. Per la tv ha creato il format del reality “La Fattoria” ed il soggetto della fiction (attualmente in preparazione) “La Capitanessa”

Aldo Ferrara

Attore  e autore, esordisce nel 2010 in teatro con “La Trappola” di L. Pirandello (monologo drammatico). Durante la stagione estiva è in tournée con Teatro Cabaret e L’Uomo dal fiore in bocca. Partecipa a vari spot pubblicitari in televisione. Scrive soggetti per il cinema e per la tv.

Anteprima nazionale:

Martedì 12 Aprile 2011 – ore 22,30

dal 12 al 17 aprile presso il Teatro Nuovo Colosseo – Via Capo d’Africa, 29 – Roma

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *